No War - Italia: scuola di guerra

A Squola di Guerra Gelmini i Pampini Cretini
24 settembre 2010 | di Doriana Goracci
 

Ascolta con webReader

http://www.stolenchildhood.net/images/israel_lebanon_war_israeli_children_signing_missiles_israeli_children__2.jpg

Il 19 settembre è stato pubblicato  un articolo su Famiglia Cristiana che annuncia : Alla scuola militare Con un accordo Gelmini-La Russa via a un corso che prevede la divisione degli studenti in “pattuglie”, lezioni di tiro con la pistola ad aria compressa e percorsi “ginnico-militari”.

 E così ricollegando i miei quasi sessant’anni di scuola ed esami che non finiscono mai, mi chiedo come mai la Cultura e la Denuncia dell’Informazione, siano  in mano longa di  una famiglia cristiana fondata su cattolicissime religiose Lotte per il Santo Sepolcro, che tanto mi ricordano  l’Urna elettorale. Quanto portano voti ed ex voti queste Indignazioni ? Quanto si è dormito sul Guanciale e Caviale degli scranni parlamentari per arrivare al punto che la Cultura e la Scuola siano  in mano alla signora neo mamma Gelmini? E allora ricordo e non mi stanco di ricordare e inoltrare quanto scrissi e che non ebbe accesso e successo sulla Carta e Online,  tantomeno risposte a chi domandai il perchè di tanto silenzio, come l’onorevole Touadi che si offrì al posto dell’onorevole Franceschini: era il 17 ottobre.

Ne riporto il passaggio che mi sta a cuore: “L’allora presidente del consiglio comunale di Desenzano sul Garda per Forza Italia, fu espulsa dal consiglio, su mozione del suo partito, con la seguente motivazione [Delibera del consiglio comunale n. 33 del 31/03/2000]: “manifesta incapacità ed improduttiva politica ed organizzativa”… Il documento può essere consultato da chiunque a questo link, che ho rattrappito per facilità di lettura: http://snipurl.com/sjkfy dove si può liberamente prendere nota e visione nella Consultazione atti amministrativi pubblicati all’Albo Pretorio di Desenzano sul Garda la MOZIONE DI SFIDUCIA AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE, Maria Stella Gelmini, Proposta N. 20561,Atto 33 del 31/03/2000, PRESENTATA DAI CONSIGLIERI DI MINORANZA E RINVIO ELEZIONE NUOVO PRESIDENTE: APPROVATA, e con le presenze e i nomi di tutte le consigliere e consiglieri, compresa la nostra attuale Ministro della Pubblica Istruzione MARIA STELLA GELMINI: il maiuscolo l’ho copiato dal documento.”

E  andavo oltre, forse concentrandomi poco sul Tema, per cui  riporto un altro brandello  a mio avviso essenziale  per capire in che mani siamo: “Per concludere, gentile onorevole, il 17 ottobre a Roma, è stata una bella manifestazione, grande non certo come quella del 3 ottobre a Piazza del Popolo: forse il mondo cattolico era impegnato in altre faccende? Lo dice anche Repubblica che gentilmente ci offre immagini della piazza, on line, 200.000 persone…Si dà il caso che nella mattinata l’avevo acquistato il giornale la Repubblica, io non li compro da molto e uso il pc ma stavolta il quotidiano per la Manifestazione Nazionale contro il Razzismo, portava ”la notizia” in Cronaca di Roma, su una colonnina a destra pagina V equivalente a pagina 68 del volume quotidiano, dove dopo aver spiegato che sarebbero state 55 le linee deviate o limitate, e annunciava che sul palco alla Bocca della Verità, avrebbero parlato tra gli altri il presidente arcigay Aurelio Mancuso, Concita De Gregorio, Moni Ovadia, Haidi Giuliani e don Tonino dell’Olio di Libera. La Fortuna, lo spero, ha voluto che ci siamo ritrovati per pochi metri vicini, prima di quella Bocca della Verità, che ci avrebbe inghiottiti nel clou finale della Manifestazione. Non le pare Onorevole che la Libera Informazione abbia già fatto un’abbondante ricreazione scantonando le notizie che mal si digeriscono? “

Il Maestro diceva in classe Fate silenzio! ai bambini. Conosceva bene il signor Mussolini come far correre la piccola Gioventù Italiana e la Balilla degli Agnelli, questo è necessario riconoscerglielo e saperlo, come gli Orti che risorsero e risorgono con Obama e Alemanno. Quindi curate, curate gli orti e prendete le vostre precauzioni antiaeree. “…Anch’io combatto, anch’io fo la mia guerra,  con fede con onore e disciplina  desidero che frutti la mia terra  e curo l’ orticello ogni mattina, l’orticello di guerra e prego Dio che vegli su di te  babbuccio mio.”
Ma da questo a tollerare e rassegnarci ad essere trattati come tanti Pampini Cretini su
una nave da guerra
che approda indisturbata,  ce ne passa , anche se c’è da convenire che la Propaganda Fide sa bene come   trovare Unioni a destra e sinistra, per centrare l’obiettivo sensibile.

Avanti  e indietro nei diari della mia disordinata memoria, con i DIN DON DAN: Rivoluzione alla Rai, annotavo “ il 9 giugno 2007  Bush, a Roma , dedicò ben 55 minuti alla Comunità di Sat’Egidio e disse: “You are the international army of compassion – Voi siete un esercito internazionale di compassionevoli” ed entrando nel merito sostanziale: “Non vedo l’ora di ascoltare le vostre strategie nel gestire alcuni dei problemi più difficili del mondo. Sono fiero della vostra organizzazione e ringrazio tutti i vostri membri per avere delle anime così caritatevoli”. Il Forum di Prima Pagina- RaiTre, è chiuso da giugno.” Era dicembre del 2008.

Dalla Sfiducia deliberata alla Signora Gelmini nel 2000, da Forza Italia, siamo arrivati dopo dieci anni a parlare di lei, come colpevole di questo disastro istruttivo. Leggo che le Trasmissioni sono state rinnovate senza Bavaglio.

E allora che aspettiamo a  fare nostra la Lezione,  l’esortAzione  Non insegnate ai Bambini… che cantava un meraviglioso libertario Autore come Giorgio Gaber?

Concludo come a gennaio del 2009 in quanto  all’inizio riporto la foto di bambine israeliane che sorridono disegnando messaggi su bombe per la Palestina: è l’infanzia negata dalla guerra. “Sogno dei gigli bianchi strade di canto e una casa di luce Voglio un cuore buono e non voglio il fucile Voglio un giorno intero di sole e non un attimo di una folle vittoria razzista Voglio un giorno intero di sole e non strumenti di guerra Le mie non sono lacrime di paura sono lacrime per la mia terra Sono nato per il sole che sorge non per quello che tramonta.” Da una poesia di Mahmoud Darwish.

Giro Giro Tondo Cambia il Mondo?

Doriana Goracci

Italia: scuola di guerra
tratto da Unimondo.org
 
Alla vigilia della Giornata internazionale della nonviolenza indetta dall'Assemblea Generale dell'ONU del 2 ottobre, i ministri Gelmini - La Russa stipulano un accordo per i
 

l corso scolastico “Allenati per la vita” con pratiche militari. Lo riporta Famiglia Cristiana, citando una circolare del comando militare della Lombardia rivolta ai professori della regione. Le organizzazioni italiane per la pace e la nonviolenza protestano.

In cosa consiste il corso che produrrà credito formativo? Lezioni teoriche in diritto e costituzione, corsi di primo soccorso, arrampicata, nuoto, salvataggio e sopravvivenza. In più, percorsi ginnico-militari, tiro con l'arco e con la pistola ad aria compressa.
Secondo il progetto, queste attività "permettono di avvicinare, in modo innovativo e coinvolgente, il mondo della scuola alla forze armate, alla croce rossa e ai gruppi volontari del soccorso”. Inoltre, "la pratica del mondo sportivo militare (...) permette di evidenziare, nel percorso educativo, l’importanza del benessere personale e della collettività attraverso il contrasto al "bullismo" grazie al lavoro di squadra che determina l’aumento dell’autostima individuale ed il senso di appartenenza ad un gruppo”. Sperando che bullismo non si accoppi con nonnismo.
Singolare che questa attività arrivi in un paese che da anni non ha più il servizio militare obbligatorio. Ma non c'è nulla di coercitivo, ci mancherebbe. Tant'è che la circolare dice che a fine corso ci sarà “una gara pratica tra pattuglie di studenti”. Pattuglie. Sembra una "mini-naja" (il progetto caro a La Russa) istituzionalizzata.
Per il direttore di Azione Nonviolenta Mao Valpiana “la nostalgia del Ministro La Russa per i giovani Balilla del ventennio fascista, ha contagiato anche la Ministra Gelmini. Il Ministero della Difesa dovrebbe pensare alla difesa della nazione. Il Ministero della Pubblica Istruzione dovrebbe pensare all'istruzione dei giovani. Semplice. Confondere la disciplina militare di una pattuglia (che si basa sull'obbedienza cieca) con l'educazione scolastica di una classe (che si basa sul dialogo critico) è un madornale errore. Essere soldati o essere studenti, nella vita sono due vocazioni diametralmente opposte”.
Nanni Salio del Centro Studi Sereno Regis – CSSR - non usa mezze parole: “si tratta di un aspetto che caratterizza le attuali derive di stampo populista e fascista. Una sorta di mancanza sia di senso di responsabilità che delle Istituzioni. Qui la difesa fa il suo mestiere, fa marketing mentre la Gelmini non si rende conto che affascinare i ragazzi all’uso delle armi è un chiaro invito alla violenza come se già non bastassero le diverse organizzazioni di criminalità organizzata che invitano quotidianamente i ragazzini a destreggiarsi con questi strumenti di morte”. Nanni Salio è stupito anche per il periodo scelto. Alla vigilia della Giornata internazionale della nonviolenza indetta dall'Assemblea Generale dell'ONU del 2 ottobre in occasione della nascita di Gandhi. Per tale data il CSSR ha organizzato un convegno su ecologia e nonviolenza.
Il 9 ottobre a Genova vi sarà la conclusione del decennio internazionale per una cultura di pace proclamato dalle Nazioni Unite. “Cosa hanno fatto le nostre Istituzioni nazionali a riguardo? Praticamente nulla – continua Sallio – nonostante l’ invito dei diversi premi Nobel per la Pace. Era un invito esplicito ad essere educati alla nonviolenza e quindi c’è una totale disattenzione,che da la misura sia dell’ignoranza che dell’indifferenza”.
Chiude Flavio Lotti della Tavola per la Pace: “A questa straordinaria offerta formativa ed educativa delle Forze Armate ai giovani studenti lombardi si aggiunge un concorso civico/letterario che - ci tiene a precisare il Generale Milato a capo del Comando Militare Esercito Lombardo - a differenza delle precedenti edizioni che contemplavano esclusivamente degli elaborati scritti aventi come tema delle lettere ad amici militari impegnati in Operazioni di Pace, sarà adesso vario e diversificato, basato sul 150° dell’Unità d’Italia”. I premi ammontano a 60.000€.
La Tavola per la Pace si chiede: “ Questa è la scuola che vogliamo per i nostri figli?” [F.P.]
 
Studenti protestano contro l'addestramento militare: vengono bloccati in metrò

29 settembre 2010
Milano. Un gruppo di una ventina di studenti ha protestato questa mattina contro la possibilità di un progetto che coinvolge i ministeri della Difesa e dell'Istruzione 'Allenati per la vita' che 'prevede l'addestramento militare degli studenti e che l'Unuci dovrà gestire'. I ragazzi una volta conclusa la protesta sono scesi in metropolitana nel mezzanino della fermata Duomo e sono stati bloccati dalla Polizia in tenuta anti sommossa. Servizio ed interviste di Federica Giordani
Guarda questo video anche su: http://www.c6.tv/video/10407-studenti...