Sal & Inf - malnutrizione e anoressia

di Luisa Barbieri

Anna Wood era una ragazza inglese di 15 anni che, insieme alla mamma cinquantaduenne, decise di sottoporsi ad una dieta ipocalorica dopo le feste di Natale del 2008. Una decisione all’apparenza piuttosto normale e condivisibile, in realtà forse una decisione che già nascondeva il seme di un disagio capace di slatentizzare il disturbo del comportamento alimentare.

É iniziata così la battaglia di Anna contro l’anoressia nervosa, una battaglia che, prima di portarla a morte nel marzo 2010, ha determinato l’instaurarsi di uno stato di malnutrizione tale da trasformarla nell’ombra di se stessa.

Christine Gibson, la mamma di Anna, oggi racconta: “è successo tutto così rapidamente dal rendersi conto che soffriva di anoressia alla sua morte, che non abbiamo nemmeno avuto il tempo per imparare a trattare con lei per, poi, tentare di aiutarla”

La Gibson, divorziata dal padre di Anna, signor Paul Wood, continua: “mia figlia non è mai stata grassa, forse aveva qualche chiletto in più tipico dell’età che stava attraversando e che sarebbe scomparso naturalmente senza ricorrere a nessun tipo di restrizione alimentare”

Facendo mente locale la signora Christine si rende conto che, malgrado quella dieta post-natalizia presa alla leggera lei l’avesse abbandonata dopo sole 4-6 settimane, quanto invece abbia inciso sul comportamento di sua figlia che invece proprio da quel momento cominciò a restringere la quantità di alimenti introdotti cominciando a perdere peso in maniera considerevole, tanto che un insegnante del College (Wimbledon High School) che Anna frequentava, in febbraio, ossia dopo un due mesi dall’inizio del trattamento dimagrante, la convocò preoccupato per l’evidente debilitata condizione fisica della ragazza.

La mamma di Anna racconta che era sfuggita alla sua osservazione sia la debilitazione che il comportamento tenuto dalla figlia nei confronti del cibo, comportamento definito ingannevole e subdolo.

Ambedue i genitori non si sono resi conto di quanto fosse grave il disturbo di cui soffriva la figlia sino al momento nel quale hanno dovuto ricorrere al ricovero ospedaliero.

Nel maggio 2009, visto il chiaro peggioramento delle condizioni fisiche di Anna, la signora Christine decise di consultare il medico di famiglia che accettò di monitorare l’assetto fisico della ragazza che nel frattempo aveva iniziato anche una psicoterapia con uno psicologo. Purtroppo nessuno dei due terapeuti fu in grado di aiutarla a riavvicinarsi al cibo in maniera adeguata e nell’agosto si dovette ricorrere ad un ricovero in ospedale.

Il corpo di Anna, oltre alla spaventosa magrezza, mostrava tutti i segni della grave malnutrizione, persino la cute pareva essersi trasformata e aveva assunto un aspetto ruvido e rugoso.

Dopo 4 mesi la ragazza venne dimessa e, viste le difficoltà intercorrenti si decise di non riprendere gli studi sino all’anno accademico successivo.

Nel frattempo Anna iniziò un lavoretto part time a circa 3 miglia da casa.

L’11 febbraio del 2010 svenne mentre lavorava, ne seguì un immediato ricovero. I genitori poterono constatare che alla base del malessere accusato c’era un comportamento patologico della loro figlia: Anna aveva camminato a piedi per 6 miglia e non aveva consumato il pranzo. Nel corso del ricovero si evidenziò un’ulcera gastrica perforata che richiedeva un intervento chirurgico, ma, viste le sconfortanti condizioni fisiche della ragazza, la prognosi era quanto meno preoccupante. Il 26 marzo 2010 Anna morì.

I genitori, che hanno anche un altro figlio di 20 anni, dal profondo della loro disperazione vogliono cercare di parlare al maggior numero di persone possibili, al fine di metterle in guardia circa la pericolosità dei disturbi del comportamento alimentare prima che sia troppo tardi.

Il signor Wood insiste nell’affermare che sino al momento del ricovero fatale per Anna non si erano resi conti della reale gravità del male che affliggeva la figlia e che purtroppo, come genitori, non può non sottolineare quanto si siano sentiti isolati e abbandonati dalle strutture, in quanto, secondo lui, gli aiuti per questo genere di problematiche sono davvero insufficienti, ciò che prevale nella famiglia è il vissuto di impotenza.

Un’inchiesta sulla morte di Anna è prevista per il novembre prossimo venturo.

Liberamente tratto da:

http://www.dailymail.co.uk/news/article-1315734/Anna-Wood-15-went-post-Christmas-diet-dies-anorexia-year.html

 

 

lasciate i vostri commenti