Donne - Tribunale delle Donne

di Valentina Pellizzer - tratto da Unimondo.org

La riunione all'hotel Saraj
Foto: di Zena Zenama

Il 14 settembre a Sarajevo si sono date appuntamento più di 60 donne per parlare di giustizia. Una giustizia diversa, che non misura la soddisfazione delle vittime in anni di condanna, pene e sentenze.

Il percorso che ha portato al primo dibattito pubblico per l'istituzione del tribunale delle donne per i Balcani è cominciato nel 2000. Iniziatrici sette organizzazioni di donne che hanno fatto della resistenza al militarismo e del riconoscimento dell'altra, una pratica politica quotidiana: Donne in nero (Žene u crnom) Serbia, Centro per gli studi delle donne (Centar za ženske studije) di Zagabria, Centro per gli studi delle donne (Centar za ženske studije) di Belgrado, Centro per le donne vittime di guerra (Centar za žene žrtve rata) di Zagabria, Rete delle donne del Kosovo (Rrjeti i Grupeve të Grave të Kosovës) Kosovo, Anima Kotor del Montenegro e Donne per le donne (Žene ženama) della Bosnia e Herzegovina.

Il tribunale delle donne è un'iniziativa che appartiene al discorso del dissenso, un modello di giustizia riparatoria/restaurativa, che si contrappone alla giustizia dei tribunali tradizionali. Questo tribunale trova le sue radici in una forma di resistenza che, dopo le violenze della guerra intende offrire spazi di dignità, ascolto e riconoscimento della perdita.

Un tribunale che concentra la propria attenzione sulle vittime, e su i/le sopravvisute. Un tribunale fatto da donne e uomini autorevoli che vuole tessere e ricucire memoria ma anche restituire emozioni e relazioni. Dal 1993 quando per la prima volta è stato proposto, ci sono state 35 tribunali delle donne che hanno offerto una prassi di giustizia diversa e alternativa, che hanno parlato di guerre ma anche di povertà, traffiking. Violenze diverse, scaricate tutte, sui corpi delle donne e non solo.

A Sarajevo, insieme a Corinne Kuman, fondatrice del tribunale per le donne c'erano Sylvia Marcos (Messico), Yvette Abrahams, (Sud Africa), Eman Khamma (iraq), Vichuta Ly (Cambogia) e Ethel Long Scott (US). Donne che hanno alle spalle esperienze di conflitti, esclusioni, margini. Donne che hanno dato per prima cosa a sè e quindi alle vittime, voce e volti di persone reali, facendole uscire dall'anonimato e dalla massa informe in cui la vastità del crimine o la fama dei carnefici le aveva ricacciate.

A Sarajevo, in una fredda mattina autunnale, all'ultimo piano dell'hotel Saraj gli scenari possibili del tribunale prendono forma. E' la riflessione, ma anche la pratica politica e la visione poetica di Corinne. Che rivendica la libertà e la sacralità di parole fragili come quelle che appartengono al mondo delle emozioni per ribadire il diritto trasversale dei sud del mondo ad una gustizia riparatoria.

Una giustizia che non risponde alle categorie giurisprudenziali dei diritti umani occidentali spacciati per universali. Consumati e sviliti dall'impotenza e inazione delle Nazioni Unite. E' la resistenza atipica delle vittime che non si accontentano di giudici e tribunali internazionali pagati per fornire giustizie circoscritte e con il contagocce. Che fingono di non vedere quanto i crimini del Ruanda, della Bosnia Erzegovina somiglino a quelli perpretati dagli Stati Uniti in Vietnam, Afganistan, Iraq...

Il tribunale delle donne proposto da Corinne è la ricostruzione della memoria e della storia per una restituzione, riparazione di quanto calpestato. E' la capacità di Yvette di rivivere l'apartheid e di rielaborarlo con i figli e le figlie dei perpetratori per liberarli dalla colpa. Diversa ed eguale al senso di colpa contro il quale combatte Vichuta, sopravvissuta alla follia Kmera in Cambogia. Una giustizia che viene dai margini, dalle donne sfruttate ed escluse dell'india cosi come dai resistenti del messico zapatista e comunitario di Sylvia; e che ritorna all'Iraq, di Eman, per ricordare come le guerre per la democrazia uccidano più della tirannide dichiarata.

Una nuova e dunque diversa, più umana giustizia per i balcani di Staša, delle donne in nero, che vede come la trappola del paternalismo socialista si sia reinventata nel capitalismo, proponendo indifferenza contro solidarietà, terrore globale contro terrori locali. O la ricostruzione, nelle parole di Biljana, del centro di studi delle donne di Zagabria, di rete emozionali, di spazi sicuri dove ritrovare la propria umanità e liberarsi dell'alienazione del pensiero occidentale che riduce tutto a leggi, norme, regole, standard.

Per 4 ore 60 donne immaginano una giustizia che non usi le parole consumate della democrazia e della cooperazione allo sviluppo. Rivendicano il diritto ad un immaginario che dia voce alle comunità dimenticate, che riveli la trama delle cose e non si faccia abbagliare dai riflettori puntati sul singolo mostro. Il tribunale delle donne per i Balcani è tutto qui, in questa corrente di energia che fonda la propria resistenza sulla disobbedienza e la riconciliazione.

Valentina Pellizzer inviata di Unimondo

Donne in Nero: Il genocidio di Srebrenica

Donne in Nero: Il genocidio di Srebrenica Donne in Nero: Il genocidio di Srebrenica
Dodici anni fa il genocidio di Srebrenica, le donne di srebrenica e le Donne in Nero di Belgrado, da una prospettiva di genere si confrontano con il passato e costruiscono un futuro basato sul riconoscimento della responsabilità, sulla verità, la giustizia e la riparazione .

Bologna 4 giugno 07
Il genocidio di Srebrenica è stato uno dei massacri più gravi che sia stato perpetrato in Europa, nel continente pacificato, a poche centinaia di chilometri dal nostro paese e sotto gli occhi distratti ma poi non tanto, dei militari olandesi che in rappresentanza dell'ONU dovevano difendere la popolazione di Srebrenica. Si dice che il generale olandese si congratulò con il generale Mladic per l'efficienza con cui le operazioni erano state condotte, una pulizia etnica condotta secondo un piano preciso in cui la quasi totalità della popolazione maschile venne uccisa nel giro di pochi giorni, le donne stuprate e in alcuni casi uccise; molte di loro non hanno avuto la forza di tornare, altre vivono ancora in campi profughi, quelle che sono tornate portano avanti un lavoro coraggioso di ricerca dei resti delle vittime, con l'aiuto di equipe di esperti che aiutano a condurre il processo di identificazione, altre lottano per il riconoscimento del genocidio di cui la Serbia di Milosevic è responsabile, lottano perché sia dato un nome e un volto agli scomparsi, perché sia riconosciuto uno status speciale a Srebrenica mentre l'ingerenza della Repubblica Srpska è ancora pesante e capita spesso di incontrare per strada alcuni dei massacratori. Sono ancora liberi di circolare e considerati in Serbia eroi insieme a tutti gli altri che hanno portato avanti questa sporca guerra. E' nato in questa realtà un rapporto particolare fra le Donne in Nero di Belgrado e le Donne di Srebrenica là organizzate in un'associazione, a partire dalla richiesta di perdono da parte delle donne di Belgrado per il dolore che è stato causato anche in loro nome in quanto serbe, una richiesta di perdono che ha significato schierarsi accanto a queste donne in solidarietà e sorellanza, assisterle nei processi che continuamente si svolgono sia all'Aja che a Belgrado presso i tribunali per i Diritti Umani, sostenere le loro lotte e cercare di far sì che non si continui soltanto a parlare in loro nome ma si agisca per dare loro più forza e possibilità di rendersi protagoniste del processo di superamento del ruolo di vittime da loro rifiutato, di ricerca di un senso per la loro vita, per la ricostruzione di relazioni sociali che siano basate su verità, giustizia e riparazione.

Di questo si è discusso nell'iniziativa del 4 giugno organizzata dalle Donne in Nero di Bologna con la presenza di Nura Begovic delle Donne di Srebrenica, di Stasa Zajovic e Jasmina Tesanovic delle Donne in Nero di Belgrado.

Realizzato da Arcoiris Bologna