Eventi: Sulle strade dell'utopia

Sulle strade dell'utopia

Sulle strade di Paolo

 

NADiRinforma propone:
Alex Zanotelli è il secondo ospite delle iniziative promosse dal Centro Studi "G. Donati" di Bologna per discutere del rapporto tra il mondo della cultura e il Sud del Mondo ed il ruolo che studenti e docenti universitari possono assumersi nella risolvere le disparita' sempre piu' forti tra la parte più ricca e quella più povera del mondo.
Dopo la lezione di Monsignor Bregantini, si passa all'appuntamento con "Le strade di Paolo tra le genti", per il quale padre Zanotelli, missionario comboniano, parla al pubblico di migrazioni e dell'importanza dell'incontro, con studenti fuori sede, immigrati, rifugiati, con i poveri e gli sfruttati del nostro tempo, prendendo spunto dall'esperienza di Paolo di Tarso, migrante e apostolo delle genti.

Introduce: Santino Prosperi, preside della Facoltà di Medicina Veterinaria dell'Alma Mater Studiorum -- Universita' di Bologna

Modera: p. Giovanni Munari, direttore EMI Editore - Bologna


 

La lezione scomoda di Tullio Contiero

NADiRinforma propone l'incontro organizzato dal Centro Studi G.Donati c/o l'aula absidale di Santa Lucia il 15 novembre '11, a ricordo dell'ideatore e fondatore don Tullio Contiero, scomparso nel 2006, del quale il Centro Donati ha raccolto l'esperienza spirituale. L'incontro del 15 novembre, cui farà seguito una seconda occasione martedì 22 novembre alla presenza di p. Alex Zanotelli, sé è svolto in occasione della pubblicazione del libro di Pier Maria Mazzola “Sulle strade dell'utopia” (EMI, 2011), libro dedicato a Tullio Contiero, il prete che per generazioni di universitari ha rappresentato un punto di riferimento.
Don Contiero, senza peli sulla lingua, ha scosso una moltitudine di giovani e li ha pungolati all'impegno a favore dei poveri, quelli della loro città non meno di quelli del Sud del mondo, vittima dell'Occidente e dal 1968 ha avviato viaggi nel continente africano al fine di mostrare e dimostrare ciò che non si può fare solo con le parole.
Ha presenziato Mons. Gian Carlo Maria Bregantini, quel prete operaio impegnato per 13 anni nella lotta alla criminalità organizzata nella Locride, oggi Arcivescovo di Campobasso-Bojano e Presidente della Commissione Episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace.
Ha condotto: Guido Mocellin - Caporedattore de “Il Regno” e direttore de “I Martedì”
Sono intervenuti:
Ivano Dionigi - Magnifico Rettore dell’Alma Mater Studiorum, Bologna
Antonio Allori - Vicario Episcopale Carità e cooperazione missionaria tra le Chiese, Arcidiocesi di Bologna

 
martedì 22 novembre
ore 18: Oratorio di San Donato, via Zamboni 10
Celebrazione in ricordo di d. Contiero
presiede Alex Zanotelli, missionario comboniano
 ore 21:  Cinema Perla, via San Donato 38
Le strade di Paolo tra le genti incontro con Alex Zanotelli
introduce Santino Prosperi, Preside della Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Alma Mater Studiorum
a cura del
Centro Studi "G.Donati"
 
sulle-strade-dell-utopia-vita-e-scritti-di-tullio-contiero.jpg

 

Sulle strade dell'Utopia con il Centro Studi Donati.

Il mondo del sapere incontra il disagio del Sud del Mondo

tratto da BandieraGialla - la rete solidale

Due incontri per ragionare sul rapporto tra il mondo del sapere e il Sud del Mondo e sul ruolo che  studenti e docenti delle nostre università possono assumersi per il miglioramento delle condizioni di vita di chi vive nella parte più povera e sottosviluppata del pianeta.

Promotore delle iniziative il Centro Studi “G. Donati” di Bologna, realtà ormai radicata sul territorio bolognese, punto di riferimento per i giovani universitari alla ricerca di una conoscenza concreta della realtà, che vada oltre lo studio teorico e le scadenze dettate dagli esami, per “toccare con mano” le povertà del nostro tempo, in Italia come nel resto del mondo.  Attraverso l'organizzazione di incontri di conoscenza e approfondimento e promuovendo attività di in-formazione e di progettazione sociale, il Centro Donati invita quotidianamente i giovani a un impegno a favore dei diritti dei più deboli, per la promozione della pace e della nonviolenza e per la diffusione, soprattutto tra le nuove generazioni, di una cultura dell'accoglienza.

L'ideatore e fondatore di quest'esperienza ormai quasi trentennale è don Tullio Contiero, scomparso nel 2006, a cui è dedicato il libro “Sulle strade dell'utopia” (EMI, 2011) che verrà presentato in anteprima nel corso dell'iniziativa. Scritto da Pier Maria Mazzola, il volume ricorda l'impegno e la personalità del sacerdote, cappellano per oltre 40 anni della Chiesa Universitaria di Bologna. Capace di scuotere intere generazioni di studenti, don Tullio Contiero è stato accompagnatore dei giovani nei viaggi di conoscenza in Africa, ha promosso, attraverso seminari e conferenze, pensieri e riflessioni critiche sulla povertà e le disuguaglianze presenti nel Sud come nel Nord del Mondo, partendo dall'idea di "sprovincializzare" l'università e "allargare gli orizzonti".

Martedì 15 novembre alle 21 nell'aula absidale di Santa Lucia (via de' Chiari, 25A – Bologna) il primo appuntamento in programma, dedicato al tema “Università e Sud del Mondo”. Ospite dell'incontro sarà Giancarlo Maria Bregantini, attualmente Arcivescovo di Campobasso-Bojano e Presidente della Commissione Episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace. Già prete operaio, cappellano delle carceri e vescovo della Locride, dove ha condotto una dura battaglia contro la 'ndrangheta, Monsignor Bregantini proverà a tracciare percorsi di relazione e nuove forme di collaborazione tra Università e Sud del Mondo, in grado di trasformare il sapere in una risorsa contro la povertà.
Interverranno, inoltre:
Ivano Dionigi - Magnifico Rettore dell’Alma Mater Studiorum; Antonio Allori - Vicario Episcopale Carità e cooperazione missionaria tra le Chiese, Arcidiocesi di Bologna e Guido Mocellin - Caporedattore de “Il Regno” e direttore de “I Martedì”.

Martedì 22 novembre alle 18 Alex Zanotelli celebrerà una messa in memoria di don Tullio Contiero all’Oratorio di San Donato (via Zamboni, 10 – Bologna). A seguire, alle 21, al Cinema Perla (via San Donato, 38 - Bologna) sarà sempre Alex Zanotelli a condurre l’incontro conclusivo, dal titolo “Le strade di Paolo tra le genti”. Missionario comboniano in Sudan ed in Kenya, strenuo difensore dell’acqua come risorsa strategica dei popoli e non oggetto di mercato, Zanotelli parlerà di Paolo di Tarso, migrante ed apostolo delle genti, e di quanto il suo approccio sia attuale per affrontare il tema delle migrazioni e l’incontro con studenti fuori sede, immigrati, rifugiati, con i poveri e gli sfruttati del nostro tempo. Introduce: Santino Prosperi, preside della Facoltà di Medicina Veterinaria dell'Alma Mater Studiorum.

L'iniziativa è stata realizzata con il contributo dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna ed è patrocinata da: Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, Regione Emilia Romagna, Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna, Provincia di Bologna, Comune di Bologna, Comune di Zola Predosa

Hanno dato il loro contributo: Facoltà di Scienze della Formazione, Missionari Comboniani, EMI, ass. medica N.A.Di.R., Fondazione Gramsci Emilia-Romagna, Associazione Ferrara Terzo Mondo, Bandiera Gialla, Percorsi di Pace, Città del Capo Radio Metropolitana, Istituto Alcide De Gasperi, Good Samaritan onlus, Angeli del Fango – Bologna, Amani onlus ong, Associazione Comunità e Famiglia Emilia-Romagna, Associazione Nats onlus, Nigrizia, Combonifem, Pax Christi punto pace Bologna, Andare a Veglia

Per informazioni:
Centro Studi G. Donati
Via di Corticella, 179/4 – Bologna
tel.338/155.14.68      
www.centrostudidonati.org

Sulle strade dell'utopia
Vita e scritti di Tullio Contiero

tratto da EMI


Autore:
Mazzola Pier Maria
Giornalista, con esperienza a "Nigrizia" e altre riviste missionarie. Curatore di "Giorni d'Africa" (Emi, 2006) e "Leoni d'Africa" (Epoché, 2008), attualmente è direttore editoriale dell'Emi.

Target:
Per tutti.

Contenuti:
Voleva "sprovincializzare l'università". Si mostrava forte con i forti, e debole con i deboli. Era attento ai grandi temi della cultura del nostro tempo - come lo era al barbone senza cena, allo studente fuori sede.
Tullio Contiero (1929-2006) per generazioni di universitari è stato, a Bologna e non solo, punto di riferimento. Senza peli sulla lingua, ha scosso una moltitudine di giovani e li ha pungolati all'impegno a favore dei poveri, quelli della loro città non meno di quelli del Sud del mondo, vittima dell'Occidente. Li ha provocati a toccare con mano la realtà: dal 1968, ogni anno, immancabilmente, ha guidato goliardi e dottorini in visita all'Africa. Allo stesso modo in cui, nella Roma del dopoguerra, aveva trascinato nelle borgate i liceali di buona famiglia.
Come san Paolo, "su strade africane, sulle strade di periferia, su strade universitarie ha corso anche don Contiero" (G. Bregantini).
La sua eredità spirituale è raccolta dal Centro Studi "Giuseppe Donati" di Bologna.

Prefazione di mons. GianCarlo Bregantini
Postfazione di Pietro Veronese

 

 

Condividi