Sal & Inf: "Se gli OGM salvano i prodotti tipici..." - "Il mondo secondo Monsanto"

Caricato da in data 05/dic/2011

"Il mondo secondo Monsanto", pubblicato da Arianna Editrice, è un libro inchiesta sulla multinazionale degli OGM che ha fatto il giro del mondo. Oltre 100.000 copie vendute e traduzioni in 11 paesi.
 
 
E' stato scritto da Marie-Monique Robin che ha vinto il Premio Albert-Londres, il più prestigioso della stampa francese (1995). Giornalista, scrittrice e regista, è autrice di molti documentari che le sono valsi diversi riconoscimenti internazionali e di documentari ripresi in America Latina, Africa, Europa e Asia.

L'autrice ha condotto per tre anni importanti ricerche che l'hanno portata in America, Europa e Asia, a scoprire la poco nota storia dell'azienda Monsanto.

Avvalendosi di documenti inediti, delle testimonianze delle vittime, di scienziati e di uomini politici, il libro ricostruisce la genesi di un impero industriale che, grazie a una comunicazione menzognera, a rapporti di collusione con l'amministrazione nord americana, a pressioni e tentativi di corruzione, è divenuta la prima azienda al mondo produttrice di semi.

 
Il testo svela inoltre il ruolo giocato da Monsanto nell'estensione planetaria delle colture OGM, senza che ci sia stato alcun controllo serio relativo ai loro effetti collaterali sulla natura e sulla salute umana.

Il documentario analizza la questione degli OGM e dei brevetti sulle sementi geneticamente modificate e sui fertilizzanti chimici prodotti dalla multinazionale americana, che attualmente possiede il 90% degli OGM presenti nel mondo . Non solo: grazie alle testimonianze degli agricoltori e agli autorevoli interventi di esperti come Vandana Shiva, il film mostra l'innumerevole serie di cause che coinvolgono la Monsanto, già condannata per negligenza, frode, attentato a persone e cose, disastro ecologico e sanitario e utilizzo di false prove.

L'azienda, che si autodefinisce fautrice della "scienza della vita", propone una propria filosofia secondo cui gli OGM sarebbero l'unico modo per nutrire i sei miliardi di persone presenti sulla Terra creando, allo stesso tempo, sementi sterili che vanno riacquistate ogni anno e resistenti ai soli erbicidi prodotti dalla Monsanto con l'unico scopo di non perdere il primato mondiale nel mercato.

Concludiamo con le parole di Carlo Petrini, fondatore di Slow Food: " Nelle campagne del mondo ci vogliono uomini, non multinazionali. Il cibo deve essere prodotto per essere mangiato, e non solo per essere venduto. Ne va della sovranità alimentare dei popoli; ne va della nostra libertà. Non ci è dato sapere quali saranno in futuro gli effetti degli OGM sulla salute dell'ambiente e delle persone, ma per ora è certo che essi sono di proprietà di multinazionali che mirano a controllare il nostro cibo su scala globale, per vendercelo alle loro condizioni. Il Mondo secondo Monsanto ci fa capire di più su questi processi perversi, e ci mette in guardia sul futuro del cibo".

Thanks to http://www.youtube.com/user/enmdrui#g/u

 

“Dieci anni fa non avrei mai potuto fare questo documentario. Oggi con Internet invece è stato possibile. Questo dimostra che un’inchiesta solida è ormai alla portata di tutti”. O quasi. Basta avere vent’anni di esperienza nel giornalismo d’inchiesta, un solido produttore alle spalle e avvocati agguerriti in grado di parare qualsiasi colpo inferto dal nemico. Tutti parametri che Marie-Monique Robin possiede. Molti suoi colleghi pensarono che la sua carriera di giornalista freelance avesse raggiunto l’apice nel 1995 con l’assegnazione del prestigioso Prix Albert Londres (il Pulitzer d’oltralpe) per un suo documentario sul traffico d’organi (Voleurs d’yeux), ma ora dovranno fare i conti con la sua ultima impresa: Le monde selon Monsanto (Il mondo secondo Monsanto), un reportage estremamente discusso in Francia dopo la sua diffusione sul canale televisivo Arte l’11 marzo scorso. In poco meno di due ore, l’inchiesta di Marie Robin riassume tre anni di indagini sulla Monsanto, primo produttore mondiale di sementi convenzionali e di organismi geneticamente modificati (Ogm). >>> segue Panorama.it>Cult

la Stevia

guarda il pps

 
 

Italia OGM? No grazie – Foto: www3.varesenews.it

Il ministro dichiara, poi smentisce. Uno stile che ci ricorda qualcuno. Grave che questo avvenga per la questione OGM. Il ministro in questione è Corrado Clini che guida il dicastero dell’ambiente dell’esecutivo Monti. Il 15 marzo 2012, reduce da un incontro infruttuoso in sede europe

a proprio per discutere di OGM, in un’intervista al Corriere della sera, Clini spariglia con affermazioni tra il preoccupante e il paradossale. Confondendo le biotecnologie con gli OGM, Clini parla di una opposizione pregiudiziale alla ricerca che impedisce al nostro paese di sviluppare le meravigliose potenzialità della tecnica che dai nuovi preparati dell’industria farmaceutica ai biocarburanti promette di cambiare il mondo. Senza gli OGM non avremmo avuto “Il grano duro, il riso Carnaroli, il pomodoro San Marzano, il basilico ligure, la vite Nero D’Avola, la cipolla rossa di Tropea, il broccolo romanesco”. Se lo dice un ministro…

In un comunicato successivo Clini attenua l’apertura italiana agli OGM, mentre il collega all’agricoltura Mario Catania prende le distanze, tagliando corto “Non si può certo dire che abbiamo il San Marzano o altri prodotti perché abbiamo fatto manipolazioni genetiche”. Come la mettiamo allora?

Ci aiuta il presidente di Slowfood Italia Roberto Burdese: “Ingegneria genetica e biotecnologie sono due cose diverse e non possono essere messe sullo stesso piano. Poi anche se gli italiani si sono espressi per un no deciso sugli Ogm un conto è parlare di sperimentazione, non in campo aperto, un altro è parlare di coltivazione.

L’ingegneria genetica rappresenta solo una parte del più ampio settore delle biotecnologie e fa riferimento a un insieme di tecniche che permettono di isolare geni da un organismo, clonarli e introdurli in un altro organismo, quasi sempre appartenente a una specie molto lontana. Le varietà di cui parla il Ministro Clini, dal pomodoro San Marzano al riso Carnaroli, sono frutto di tecniche di mutagenesi e incroci tradizionali, che non rientrano nel campo dell’ingegneria genetica ma in quello più ampio delle biotecnologie, la cui importanza e utilità è da sempre ritenuta fondamentale (anche da Slow Food) per lo sviluppo del settore agroalimentare (come per altro avviene da secoli)”.

Sulla stessa linea Legambiente: “Crediamo che questa apertura del governo all’introduzione di Ogm nei nostri territori e dunque nelle produzioni made in Italy, sia molto pericolosa e vada nella direzione opposta rispetto alle reali esigenze del Paese. È urgente infatti che per l’agricoltura italiana di qualità, che si identifica nei prodotti tipici, biologici e nelle bellezze del paesaggio agrario, si apra una nuova stagione fatta di norme, come quelle sulla trasparenza delle produzioni e della tracciabilità, necessarie a garantire la sicurezza alimentare e a valorizzare ulteriormente la qualità delle produzioni. È insopportabile e paradossale infatti che esistano casi come quello del pecorino romano prodotto all’estero e spacciato come italiano con il benestare del nostro Stato”

È ancora più dura Greenpeace Italia: “Che serva una riflessione seria, non ci sono dubbi, ma se a promuoverla è un Ministro che non sa distinguere fra incroci e OGM, definendo il riso Carnaroli o la cipolla di Tropea come OGM, forse è il caso di considerare il livello di disinformazione sul tema.

Non solo la gestione Clini sugli OGM, conclusasi nel 1999 [quando era direttore generale del Ministero dell’ambiente, ndr], è stata un far west delle sperimentazioni - in quell’anno le sperimentazioni in corso erano 182 per un totale di 121 ettari, precipitate a 38 su 3,87 ettari nel 2000, dopo una seria e attenta valutazione sui dossier relativi al programma - ma anche i miracoli sugli OGM proclamati dalle aziende del biotech sono stati dei veri e propri flop.

La stragrande maggioranza dei prodotti biotech in commercio, attualmente soia, mais, cotone e colza, hanno una caratteristica principale: sono resistenti alle sostanze chimiche che le stesse aziende producono e vogliono vendere.

I prodotti geneticamente modificati stanno causando lo sviluppo di piante infestanti resistenti agli erbicidi costringendo gli agricoltori che ne fanno uso a ricorrere a quantità sempre maggiori di erbicidi e sostanze tossiche sulle coltivazioni.

Gli OGM che dovrebbero fornire protezione dai parassiti stanno causando il fenomeno opposto. Come il cotone Bt, che ha causato il diffondersi di un super-parassita negli Stati Uniti, e il mais Bt che sempre negli USA ha perso la resistenza ai parassiti e porta gli agricoltori a utilizzi sempre maggiori di insetticidi.”

Insomma, mentre l’Unione europea continua a discutere su nuovo regolamento in materia, qui da noi si cerca ancora di inseguire la tecnica e la cosiddetta ricerca genetica anche in agricoltura. Possibile che si dimentichi che l’Italia, anche dal punto di vista economico, si può rilanciare soltanto attraverso la cultura in tutti i modi la si voglia declinare? Possibile che non si capisca che il resto del mondo conosce il nostro paese per il paesaggio, la musica, il cibo, l’arte, per la capacità di costruire un benessere alternativo al modello di consumo? Aprire agli OGM sarebbe per noi un vero suicidio. [PGC]

 

 

 

Sal & Inf

 
 
 

Condividi

AllegatoDimensione
stevia.pps4.12 MB