Eventi: NADiRinforma al Festival dell'Internazionale - Ferrara 2012

 
Un weekend con i giornalisti di tutto il mondo

NADiRinforma incontra, nel corso del festival Internazionale a Ferrara 2012, JoAnn Wypijewski, giornalista e columnist statunitense (scrive per Mother Jones, Harper's, The Guardian tra gli altri) autrice della column Carnal Knowledge su The Nation e dei libri Painting by Numbers: Komar and Melamid's Scientific Guide to Art e The Thirty Years Wars: Dispatches and Diversions of a Radical Journalist. Grazie alla giornalista statunitense, cerchiamo di immergerci nel clima delle incombenti elezioni statunitensi, facendo in modo di focalizzarci sui temi al di fuori del dibattito attuale, sulla sua trasformazione, per poi gettare uno sguardo a tutto tondo sulla società, sulla crisi economica e politica del Paese , oltre che sul ruolo del pensiero radicale in esso.
NADiRinforma meets, during the festival Internazionale a Ferrara 2012, JoAnn Wypijewski, an American journalist and columnist (she writes for Mother Jones, Harper's, The Guardian among the others) author of the column Carnal Knowledge on The Nation and of the books Painting by Numbers: Komar and Melamid's Scientific Guide to Art e The Thirty Years Wars: Dispatches and Diversions of a Radical Journalist. We try, with the help of the American journalist to immerse in the climate of the upcoming U.S elections,trying to focus on issues outside the current debate, on its trasformation, in order to give a deeper look on the society, on the economic and political crisis of the country and on the role of the radical thought in its scenery.
Interview realized by Angelo Boccato.
http://www.thenation.com/authors/joann-wypijewski http://www.motherjones.com/authors/joann-wypijewski
 

NADiRinforma incontra, nel corso di Internazionale a Ferrara 2012, il regista Friedrich Moser, autore con Matthieu Lietaert del documentario The Brussels Business, inchiesta volta a far luce sul peso e l'influenza della macchina lobbistica in seno all' Unione Europea a Bruxelles, seconda solo a quella statunitense. Con Friedrich Moser cerchiamo di capire il ruolo delle lobbies nel contesto di crisi dell' Eurozona, al fine di porre sotto i riflettori una realtà come quella europea che influenza la nostra vita nel quotidiano, ma che tende ad esser relegata ai margini della discussione; il tentativo sarà quello di viaggiare su una rotta opposta, cercando di comprendere il contesto al fine di contrastarne possibili derive.
NADiRinforma meets, during Internazionale a Ferrara 2012, the filmmaker Friedrich Moser, author with Matthieu Lietaert of the movie The Brussels Business , an investigation aimed at making clearness about the weight and the influence of the "Lobby machine" inside the European Union in Brussels, the second "Lobby machine" in the world after the U.S's one. We try to understand with Friedrich Moser the lobbies' role in the context of the Eurozone's crisis, in order to put under the spotlights a reality such as the Europea one which influences our daily life, but despite its relevance, it remains in the debate's corner; we'll try to sail for a different destination, in order to understand the context for engaging it.
Interview realized by Angelo Boccato
Segui The Brussels Business su Twitter: @TBBmovie
Segui Friedrich Moser su Twitter: @friedrichmoser
Segui Matthieu Lietaert su Twitter: @notsocrazyprod
Visita i siti
www.thebrusselsbusiness.eu

www.internazionale.it
www.blueandgreen.info/Welcome.html
 
 
 

NADiRinforma incontra, nel corso del festival di Internazionale a Ferrara 2012, Maryam Al-Khawaja, attivista per i diritti umani in Bahrein, vice-presidente del Bahrein Center for Human Rights e del Gulf Center for Human Rights e Sultan Al Qassemi, giornalista che vive negli Emirati Arabi, tra le voci più autorevoli del mondo arabo su Twitter. Sultan Al Qassemi scrive per The Gulf News, The National Newspaper, The Financial Times e The Guardian tra gli altri, membro della Dubai School of Government. Maryam Al- Khawaja ha diffuso, tramite Twitter la protesta esplosa nel paese lo scorso anno e ci rivolgiamo a lei per capire cosa ne è stato di quel movimento e per gettare uno sguardo più ampio sulle condizioni dei Paesi protagonisti della Primavera Araba, a un anno di distanza dall'inizio di tale stagione. Con l'aiuto di Sultan Al Qassemi, invece, cerchiamo di tracciare presente e futuro di quella stagione definita generalmente dai media come "Primavera Araba" concentrandoci su paesi chiave come l' Egitto e aspetti sottaciuti, come l' influenza degli attori regionali.
NADiRinforma meets, during the festival Internazionale a Ferrara 2012, Maryam Al- Khawaja, an activist for human rights in Bahrein and deputy president of the Bahrein Center for Human Rights and the Gulf Center for Human Rights, and Sultan Al Qassemi, a journalist who lives in the Emirates , among the most authoritative voices on Twitter concerning Middle East affairs. Sultan Al Qassemi writes on The Gulf News, The National Newspaper, The Financial Times and The Guardian, among the others and is also a member of the Dubai School of Government .Maryam Al- Khawaja has spread, trough Twitter the protests in the Arab country the last year and we ask her to explain us what happened to that movement and to give a broader look on the current conditions of the countries involved in the Arab Spring the last year. With the help of Sultan Al Qassemi, we try to outline the present and future condition of the so-defined "Arab Spring, focusing on key-countries, such as Egypt and on themes less discussed, such as the influence of the regional actors
Interview realized by Angelo Boccato
Visit the sites: http://www.bahrainrights.org/en http://gc4hr.org/ http://www.mediconadir.it/ http://gulfnews.com/opinions/columnists/sultan-sooud-al-qassemi www.internazionale.it
Segui Maryam Al-Khawaja su Twitter: @MARYAMALKHAWAJA
Segui Sultan Al Qassemi su Twitter: @SultanAlQassemi

NADiRinforma incontra, nel corso del festival Internazionale a Ferrara 2012, Laurie Penny, attivista, scrittrice, giornalista (collabora col Guardian, il New Statesman e l' Independent, oltre che tra gli altri The Nation e Al Jazeera) e blogger. Con Laurie, che ha seguito direttamente il movimento di Occupy Wall Street, ci interroghiamo sul futuro e l'influenza dei movimenti emersi nel mondo occidentale sulla scia delle Primavere Arabe, sul ruolo che può oggi rivestire l'idea femminista e sulle alternative e strade da percorrere per uscire da quella che, ben lungi dall'essere una crisi temporanea e risolvibile, rappresenta un punto di svolta rispetto al quale si rivela necessario un cambio di rotta.
Intervista a cura di Angelo Boccato

NADiRinforma meets, during the festival Internazionale a Ferrara 2012, Laurie Penny activist, writer, journalist (contributor of the Guardian, the New Statesman and the Independent, The Nation and Al Jazeera among the others) feminist and blogger. Laurie has followed directly the Occupy Wall Street's movement and we analyze with her the future and the influence of the movements spread in the Western world, under the influence of the Arab Spring's ones, the current role of the feminist idea and the alternative choices to follow in order to escape from what it's not at all a temporary and solvable crisis , but rather a changing point which requires a change of course .
Interview realized by Angelo Boccato.


Visit the sites: http://www.penny-red.com/ http://lauriepenny.wordpress.com/ www.internazionale.it
Follow Laurie Penny on Twitter: @PennyRed

NADiRinforma incontra Massimo Gramellini, noto giornalista e scrittore, che ha presenziato alle giornate di Internazionale a Ferrara 2012 partecipando al dibattito svoltosi al Teatro Comunale dal titolo "Tutto su mia madre", sul dolore per la perdita della madre e sulla morte, con il suo libro "Fai bei sogni" (Longanesi 2012).
Gramellini nel corso della breve conversazione che ha tenuto con noi si è esposto nel ruolo educativo che l'informazione potrebbe e dovrebbe dare a sostegno del recupero di quei valori umani e sociali che parrebbero nascosti dalle mille luci della "notizia a tutti i costi".
Intervista a cura di Luisa Barbieri
 

NADiRinforma all'Internazionale di Ferrara 2012 propone l'intervista di Massimo Marchetto della rivista on line "Occhio ai Media" (http://www.occhioaimedia.org/ ) a Lorenzo Bagnoli della rivista itala-africana "Assaman" (http://www.assaman.info/ ) che racconta le esperienze che caratterizzano la giovane testa giornalistica, nata circa due anni fa per raccontare "storie di migranti, sia al di qua che al di là del Mediterraneo" e nell'intento di fare formazione a giornalisti africani. L'idea motore della rivista nasce dal bisogno degli stessi immigrati africani di fare conoscere in Africa a chi non è partito, cosa sta succedendo in Italia e come si sta evolvendo la situazione. La collaborazione con l'Università Cattolica ha permesso, poi, di creare una vera e propria redazione che sostiene il sito e che produce i contenuti multimediali che caratterizzano la rivista.