via Decumana, 50/F
40133 - Bologna
Tel. 051 381829 / 347 0617840
Fax: 051 3370212
skype: pmnadir
 
segreterianadir@medicanadir.it
REDAZIONE di BOLOGNA di ARCOIRIS TV
La televisione indipendente
della gente,
per la gente

 

Assoc. Medica Disturbi di Relazione

associazione medica a carattere socio-sanitario destinata alla cura e alla prevenzione dei DISTURBI di RELAZIONE,
attraverso un programma clinico di reintegrazione del soggetto portatore di disagio

 

N.A.Di.R. informa segnala_presentazione
 
4 <<<< pag. 5 >>> 6

Crimini sessuali e il Vaticano (Arcoiris Tv)
Sex crimes and Vatican (sottotitoli in italiano) - durata 39 min. (clicca e guarda il filmato)
video.google.com - Questo video in Italia non è mai stato trasmesso, né i mezzi di informazione vi hanno mai fatto accenno.
il documentario della BBC trasmesso in Inghilterra nel 2006 sugli scandali dei Preti & Pedofilia. si richiama il "Crimen Sollicitationis" e ... tutte  » un documento di Ratzinger che rinnova il divieto a testimoniare in tribunali civili (pena la scomunica) per reati di abusi sessuali che avessero coinvolto religiosi.In Italia non è mai andato in onda, nè i giornali nè gli altri mezzi di informazione vi hanno fatto accenno. (traduzione di Bispensiero.it )   «
"Questo è padre Oliver O'Grady, un prete cattolico. La Chiesa sapeva che era pedofilo ... invece di denunciare O'Grady, la Chiesa lo protesse, nascondendolo alle autorità.
Quando si venne a sapere quello che succedeva a Fern, le autorità ecclesiastiche locali, in ossequio alle direttive segrete della Chiesa cattolica, misero tutto a tacere.
Responsabile di quella imposizione fu il Cardinale Joseph Ratzinger, attualmente papa Benedetto XVI.
... Quattro anni fa padre Sean Fortune si trovò al centro di un'inchiesta a largo raggio sugli abusi del clero sui minori.
Lo scandalo venne fuori quando si parlò di un documento segreto del Vaticano che copriva gli stupratori e riduceva al silenzio le vittime degli abusi.
... mi fu detto di non parlarne mai più. Che non avevo nulla di cui preoccuparmi. E che dovevo perdonare.
Dovevo perdonare il mio aggressore. E lui doveva perdonare me.
Non avevo alcuna opportunità di ricevere comprensione.
Il Crime Sollicitations prescrive una politica di segretezza assoluta su tutti gli abusi. E' una chiara politica di copertura dei casi di abuso perpetrati dai preti. E anche la punizione per quelli che vorrebbero richiamare l'attenzione su questi crimini, ad opera del clero..."
 
"La questione dei preti pedofili" -
leggi gli articoli riportati da "Il Dialogo"

 

 

 

ARRIVERA' ANCHE IN ITALIA

Si all'acquisto del documentario della BBC. Per Cappon ''nulla osta''
 
Dopo i tentativi di interferenza di questi giorni la scelta del direttore generale Rai deve essere considerata legittima perche' eseguita secondo le modalita' corrette e in piena autonomia editoriale". Cosi' l'associazione Articolo21 commenta la decisione del dg Cappon di acquistare il documentario della Bbc. "Ora - conclude Articolo21 - spetta solo e soltanto al responsabili editoriali, a Santoro e alla trasmissione Anno Zero - di stabilire come e quando mandare in onda il filmato e dare espressione ai punti di vista piu' disparati cosi' da garantire il giusto equilibro.
L'affare Santoro ha agitato il mondo politico. Intanto, l'affaire Santoro agita le acque della politica. 'Non spetta ne' al presidente della Commissione vigilanza e neanche ai singoli partiti chiedere al direttore generale Rai Cappon qualsiasi forma di censura preventiva nei confronti di qualsiasi giornalista, autore o tema. E' una brutta abitudine e un atteggiamento davvero improprio. Alla Rai esistono responsabili editoriali e spetta a loro esprimere una valutazione finale', afferma Giuseppe Giulietti, portavoce di Articolo21 interviene sul dibattito relativo alla proposta di acquisto del reportage della Bbc da parte di Santoro.
'Non esistono argomenti che non si possono trattare.
Peraltro, nel caso in questione, si tratta di un filmato della Bbc che e' sempre stata indicata come un modello di riferimento al quale la medesima Rai dovrebbe ispirarsi. Quello che si puo' e si deve chiedere - conclude Giulietti - e non solo nel caso di Santoro e' che qualsiasi argomento deve essere affrontato con professionalita' e rigore rappresentando tutti i punti di vista e tutte le sensibilita''.
Gridano alla censura preventiva anche Peppino Caldarola, deputato dell'Ulivo vicino alla costituente socialista, il vicesegretario dello Sdi, Roberto Villetti e il radicale Marco Beltrandi. Invocano l'intervento della Vigilanza Alessio Butti, di An, e Rocco Buttiglione, dell'Udc, mentre Silvana Mura dell'Idv, il comunista Pino Sgobio e il verde Natale Ripamonti, rivendicano l'autonomia decisionale di Viale Mazzini. Autonomia ribadita anche dal ministro Paolo Gentiloni, secondo cui si tratta di "un problema che riguarda la Rai, e non certo il Governo". Invita alla prudenza Piero Fassino, raccogliendo il plauso del presidente della Vigilanza, Landolfi: "Quando si affronta una materia così delicata - è l'opinione del segretario della Quercia - ci vuole molta attenzione, e molta prudenza, perché l'impatto di qualsiasi immagine, notizia, o contenuto su temi così sensibili richiede da parte di tutti equilibrio e prudenza".
Oggi, inoltre, si riaccendono i riflettori sul settimo piano Viale Mazzini. Dopo due settimane incandescenti per i vertici Rai, culminati con la sfiducia del rappresentante del Tesoro in Cda, Angelo Maria Petroni, e l'approvazione del ddl di riforma del servizio pubblico, il consiglio tornerà a riunirsi alle 11.
All'ordine del giorno della seduta, cui partecipa anche lo sfiduciato Petroni, nonostante la sua presenza fosse data in forse da qualcuno per 'cortesia istituzionale', le consuete comunicazioni del presidente Petruccioli.
Nessun accenno formale, invece, alla verifica sull'operato del dg, come richiesto martedì scorso dai consiglieri di centrodestra. L'esame sul lavoro di Cappon, comunque, sarà oggetto di confronto, domani, seppur non formalmente. "Abbiamo preferito fare una discussione generale su più temi, poi da cosa nascerà cosa", spiega Urbani, precisando che sopravvive l'ipotesi di inserire la verifica su Cappon all'odg della prossima seduta, già fissata per il 30 maggio. A viale Mazzini, però, c'è chi fa notare che non è nei poteri del consiglio valutare l'operato del dg: "A chi sarebbe affidata la relazione di questo tema? non certo al dg - nota un dirigente di Viale Mazzini - piuttosto, se i consiglieri di centrodestra volessero, potrebbero mettere all'ordine del giorno la nomina di un nuovo dg e chiedere a Petruccioli di aprire le procedure. Ma la verità è che stanno bleffando".
Di certo, i quattro della Cdl a Viale Mazzini sono sul piede di guerra: "Stiamo fronteggiando un governo fuori legge, perché la revoca di Petroni è una cosa contro legge. Questa è la situazione, e deve essere chiara - avverte Urbani - noi lavoriamo e abbiamo un governo fuori legge.
Tutto il resto, è materia discrezionale".
annozero
clicca per rivedere la puntata

 
 
dopo-anno-zero-il-giudizio-dei-lettori
Sono reduce dalla visione della trasmissione di stasera di Anno Zero , la fatidica puntata con la trasmissione dell'inchiesta choc della BBC .
Personalmente sono molto soddisfatto, il programma è stato equilibrato, non ha avuto paura di mostrare i casi scabrosi di pedofilia che riguardano il clero, non ha evitato di mostrare integralmente Sex Crimes and Vatican , ha usato la giusta sensibilità e prudenza nel mandare in onda il filmato solo dopo la prima interruzione pubblicitaria avvertendo più volte che si trattava di argomenti che potevano urtare la sensibilità dei minori lasciando ai genitori la scelta di far vedere o meno ai loro figli questo documento.
Gli interventi di Don Di Noto e Monsignor Fisichella sono stati garantiti nel pieno rispetto di un equo contradditorio. La presenza in studio di Colm O'Gorman , autore dell'inchiesta è stata preziosa, soprattutto per chiarire il punto più controverso e meno sostanziale della vicenda, quello riguardante il famoso documento segreto, il Crimen Sollicitationis . Non sta certo a me dire chi è risultato più credibile fra i contendenti, ma certamente il fatto che il confronto non si sia svolto essenzialmente su un'interpretazione giuridica, formale degli articoli del documento redatti in latino, bensì sul problema delle vittime, delle mancanze della Chiesa nella collaborazione con la giustizia ordinaria, sulla prassi di trasferire in altre parrocchie preti già accusati dalla polizia di abusi su minori, è innegabilmente positivo.
Credo, e resto convinto, che la bagarre politica generata prima della trasmissione di questa puntata , il fatto che politici si siano addirittura sbilanciati sostenendo in diretta tv che " il documentario non andrà in onda ", che il consiglio d'amministrazione abbia tentato in ogni modo di limitare la libertà d'espressione e di censurare preventivamente Santoro e la sua redazione, resti un fatto grave. Un precedente pericoloso ed inquietante che lascia un interrogativo piuttosto deprimente: quanti giornalisti, in Rai come in Mediaset , che non hanno la "forza" e il seguito di Santoro, si sentiranno liberi di trattare argomenti tanto delicati in futuro? segue >>>>
 

 

4 <<<< pag. 5 >>> 6

 

 Creative Commons License
Questo/a opera Ŕ pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Assoc. Medica N.A.Di.R. via Decumana, 50/F
40133 Bologna - Tel 051 381829 / 347 0617840 -
Fax 051 3370212 - segreterianadir@medicanadir.it

 

About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | ©2003 Company Name