via Decumana, 50/F
40133 - Bologna
Tel. 051 381829 / 347 0617840
Fax: 051 3370212
skype: pmnadir

Assoc. Medica Disturbi di Relazione

associazione medica a carattere socio-sanitario destinata alla cura e alla prevenzione dei DISTURBI di RELAZIONE,
attraverso un programma clinico di reintegrazione del soggetto portatore di disagio


presentazione_sud del mondo
8 >>> pag.9 <<< 10
Una serata a Korogocho, Kenia
Parallelamente al 7° Forum Sociale Mondiale a Nairobi all'interno della Baraccopoli "Korogocho" (molto nota in italia dato che è stata la casa di Padre Alex Zanotelli) gli abitanti locali hanno istituito un Festival Culturale dal pomeriggio fino a notte inoltrata per far conoscere "Korogocho" ai partecipanti ai lavori del W.S.F.
Moltissime iscrizioni sono pervenute il giorno 24/01/2006, ma dopo che ben 3 taxi si sono rifiutati di portarci a "Korogocho" alle 22:00 di sera e siamo finalmente riusciti a trovare un taxi (pagato carissimo) per lo spostamento ci siamo accorti che aravamo gli unici ospiti della manifestazione perchè si era sparsa la voce che il posto non era sicuro per i turisti.
La troupe di Arcoiris tiene particolarmente a far apere che è stata una delle esperienze più interessanti che ha vissuto durante il viaggio al Forum, la quasi totale mancanza di luci e di confort occidentali è stata abbondantemente bilanciata dal calore delle persone e dallo spettacolo che abbiamo il privilegio di proporvi.
Visita il sito:
visita la pagina dedicata a Korogocho
Conferenza stampa della Tavola della Pace - W.S.F. Nairobi 2007
Conferenza stampa tenuta dalla Tavola della Pace al Forum per lanciare la Marcia della Pace Perugia-Assisi 2007 e della prossima edizione dell'ONU dei Popoli.
Riprese realizzate presso il 7° Forum Sociale Mondiale svoltosia a Nairobi dal 20 al 25 gennaio 2007 a Nairobi (Kenya).
Visita il sito:
Visita il sito:

Intervista a Alex Zanotelli - W.S.F. Nairobi 2007
Padre Alex Zanotelli missionario Comboniano. Fino al 2001 Zanotelli visse a Korogocho, una delle baraccopoli di Nairobi (Kenya).
Intervista realizzata presso il 7° Forum Sociale Mondiale svoltosia a Nairobi dal 20 al 25 gennaio 2007 a Nairobi (Kenya).
Visita il sito:

Karibu to WSF Nairobi 2007!
The 7 th edition of the World Social Forum brings the world to Africa as activists, social movements, networks, coalitions and other progressive forces from Asia-Pacific, Latin America, the Caribbean, North America, Europe and all corners of the African continent converge in Nairobi, Kenya for five days of cultural resistance and celebration; panels, workshops, symposia, processions, film nights and much much more; beginning on the 20 th of January and wrapping up on the 25 th of January 2007.
From its modest origins in Porto Alegre in the year 2001, the World Social Forum has mushroomed into a global counter-force challenging the assumptions and diktats of imperialism and its associated neo-liberal policies that have over the decades, imposed colonialism and neo-colonialism; devastated Southern economies; bolstered the disastrous and repressive reigns of assorted tin pot dictatorships; marginalized women; disenfranchised youth; intensified the destruction of the environment; unleashed bloody, inhuman and needless military conflicts in nation after nation, region after region and deepened the exploitation of poor peoples around the world.
Rallying around the clarion call of Another World Is Possible , the World Social Forum has placed social justice, international solidarity, gender equality, peace and defence of the environment on the agenda of the world's peoples. From Porto Alegre to Mumbai to Bamako to Caracas, Karachi and now Nairobi, the forces and the contingents of the World Social Forum have collectively expanded the democratic spaces of those seeking concrete, sustainable and progressive alternatives to imperialist globalization.
Yet the World Social Forum process is NOT the latest attempt to create a monolithic “world revolutionary vanguard movement” nor is it a reincarnation of an international “united front” seeking to overthrow, one by one, governments around the world. Such a notion would be a complete negation of the very essence and concept of the World Social Forum as outlined in its Charter of Principles . Nay, the World Social Forum is not that at all, far from it.
Rather, the World Social Forum is, to use a Kiswahili word, a global Jukwaa , in other words, an international PLATFORM, to quote from the Porto Alegre Charter “ an open meeting place where groups and movements of civil society opposed to neo-liberalism and a world dominated by capital or by any form of imperialism, but engaged in building a planetary society centred on the human person, come together to pursue their thinking, to debate ideas democratically, formulate proposals, share their experiences freely and network for effective action.”
WSF Nairobi 2007 will be an opportunity to showcase Africa and her social movements; Africa and her unbroken history of struggle against foreign domination, colonialism and neo-colonialism; Africa and her rich heritage of natural wealth, cultural, linguistic and ethnic diversity; Africa and her reputation for embracing communities from around the world; Africa and her contributions to world civilization; Africa and her role in the quest for another possible, more progressive global human society.
The theme for the 7 th edition of the World Social Forum is People's Struggles, People's Alternatives”.
Words alone can not capture the vibrancy, the potency, the promise and the excitement of a World Social Forum event. There is no alternative to being there, amidst it all, participating, congregating, conversing, marching, singing, laughing, dancing, dreaming, networking and strategizing with sisters and brothers, friends and neighbours, comrades and colleagues from five continents, across oceans, mountains, deserts and rivers and over one hundred and forty countries.
So please come on over and be with us here in Nairobi, Africa, from January 20 th to the 25 th , 2007 as we recreate the magic of the World Social Forum.
TV and Radio live from Nairobi
Links to streaming and media covering the World Social Forum in Nairobi
WSF TV:   
Civil Society Tv:
Amarc :    

WSF charter of principles

The committee of Brazilian organizations that conceived of, and organized, the first World Social Forum, held in Porto Alegre from January 25th to 30th, 2001, after evaluating the results of that Forum and the expectations it raised, consider it necessary and legitimate to draw up a Charter of Principles to guide the continued pursuit of that initiative. While the principles contained in this Charter - to be respected by all those who wish to take part in the process and to organize new editions of the World Social Forum - are a consolidation of the decisions that presided over the holding of the Porto Alegre Forum and ensured its success, they extend the reach of those decisions and define orientations that flow from their logic.

1. The World Social Forum is an open meeting place for reflective thinking, democratic debate of ideas, formulation of proposals, free exchange of experiences and interlinking for effective action, by groups and movements of civil society that are opposed to neoliberalism and to domination of the world by capital and any form of imperialism, and are committed to building a planetary society directed towards fruitful relationships among Humanking and between it and the Earth.

2. The World Social Forum at Porto Alegre was an event localized in time and place. From now on, in the certainty proclaimed at Porto Alegre that "another world is possible", it becomes a permanent process of seeking and building alternatives, which cannot be reduced to the events supporting it.

3. The World Social Forum is a world process. All the meetings that are held as part of this process have an international dimension.

4. The alternatives proposed at the World Social Forum stand in opposition to a process of globalization commanded by the large multinational corporations and by the governments and international institutions at the service of those corporations interests, with the complicity of national governments. They are designed to ensure that globalization in solidarity will prevail as a new stage in world history. This will respect universal human rights, and those of all citizens - men and women - of all nations and the environment and will rest on democratic international systems and institutions at the service of social justice, equality and the sovereignty of peoples.

5. The World Social Forum brings together and interlinks only organizations and movements of civil society from all the countries in the world, but intends neither to be a body representing world civil society.

6. The meetings of the World Social Forum do not deliberate on behalf of the World Social Forum as a body. No-one, therefore, will be authorized, on behalf of any of the editions of the Forum, to express positions claiming to be those of all its participants. The participants in the Forum shall not be called on to take decisions as a body, whether by vote or acclamation, on declarations or proposals for action that would commit all, or the majority, of them and that propose to be taken as establishing positions of the Forum as a body. It thus does not constitute a locus of power to be disputed by the paarticipants in its meetings, nor does it intend to constitute the only option for interrelation and action by the organizations and movements that participate in it.

7. Nonetheless, organizations or groups of organizations that participate in the Forums meetings must be assured the right, during such meetings, to deliberate on declarations or actions they may decide on, whether singly or in coordination with other participants. The World Social Forum undertakes to circulate such decisions widely by the means at its disposal, without directing, hierarchizing, censuring or restricting them, but as deliberations of the organizations or groups of organizations that made the decisions.

8. The World Social Forum is a plural, diversified, non-confessional, non-governmental and non-party context that, in a decentralized fashion, interrelates organizations and movements engaged in concrete action at levels from the local to the international to built another world.

9. The World Social Forum will always be a forum open to pluralism and to the diversity of activities and ways of engaging of the organizations and movements that decide to participate in it, as well as the diversity of genders, ethnicities, cultures, generations and physical capacities, providing they abide by this Charter of Principles. Neither party representations nor military organizations shall participate in the Forum. Government leaders and members of legislatures who accept the commitments of this Charter may be invited to participate in a personal capacity.

10. The World Social Forum is opposed to all totalitarian and reductionist views of economy, development and history and to the use of violence as a means of social control by the State. It upholds respect for Human Rights, the practices of real democracy, participatory democracy, peaceful relations, in equality and solidarity, among people, ethnicities, genders and peoples, and condemns all forms of domination and all subjection of one person by another.

11. As a forum for debate, the World Social Forum is a movement of ideas that prompts reflection, and the transparent circulation of the results of that reflection, on the mechanisms and instruments of domination by capital, on means and actions to resist and overcome that domination, and on the alternatives proposed to solve the problems of exclusion and social inequality that the process of capitalist globalization with its racist, sexist and environmentally destructive dimensions is creating internationally and within countries.

12. As a framework for the exchange of experiences, the World Social Forum encourages understanding and mutual recognition among its participant organizations and movements, and places special value on the exchange among them, particularly on all that society is building to centre economic activity and political action on meeting the needs of people and respecting nature, in the present and for future generations.

13. As a context for interrelations, the World Social Forum seeks to strengthen and create new national and international links among organizations and movements of society, that - in both public and private life - will increase the capacity for non-violent social resistance to the process of dehumanization the world is undergoing and to the violence used by the State, and reinforce the humanizing measures being taken by the action of these movements and organizations.

14. The World Social Forum is a process that encourages its participant organizations and movements to situate their actions, from the local level to the national level and seeking active participation in international contexts, as issues of planetary citizenship, and to introduce onto the global agenda the change-inducing practices that they are experimenting in building a new world in solidarity.

Approved and adopted in São Paulo, on April 9, 2001, by the organizations that make up the World Social Forum Organizating Committee, approved with modifications by the World Social Forum International Council on June 10, 2001.
L'Africa che incontra l'Africa
Raffaella Chiodo Karpinsky *
L'ultimo giorno del Forum nello stadio di Nairobi la folla cresceva di ora in ora e tra mille attività che si sono svolte nel perimetro esterno dello stadio all'aperto, è continuato il lavoro nelle sale al coperto con seminari incontri e conferenze. I più frequentati e partecipati sono stati senza dubbio quelli costruiti e attivati dalle reti africane, lì dove è stata percepita una definizione esplicita e chiara delle proprie istanze c'è stato coinvolgimento naturale e l'identificazione delle cause comuni.
In molti casi si è trattato di una sorta di scoperta reciproca, interafricana. Questa è l'essenza più viva, quella forse più rappresentativa di questo forum. Certamente l'appuntamento intermedio fra un forum e l'altro, che si è svoloto nel 2006 a Bamakò, ha rappresentato una fase di passaggio utile a strutturare [il più possibile, senza la pretesa di avere raggiunto e coinvolto realtà di tutto il continente] un percorso che sarà ancora lungo e forse difficile ma è già oggi un eccezionale risultato politico. Molti partecipanti africani, non sono pagati e sostenuti da qualcuno per essere qui e gli sforzi fatti per arrivare a Nairobi sono stati di dimensioni indescrivili.
Sono anche in tanti ad essere giunti via terra. Tra questi il caso di un gruppo di ragazzi giunti da Maputo coi mezzi pubblici attraversando prima tutto il Mozambico [già qualcosa di straordinario, vista la distanza tra i confini a nord e sud del paese…], poi Malawi, Tanzania e in fine Kenya. Una settimana di viaggio. Hanno dormito in un ostello che si trova in uno slum vicino al Forum da dove ogni mattina hanno raggiunto a piedi lo stadio. Non avrebbero potuto fare fronte alle spese di un viaggio così costoso, seppure via terra e per questo senza l'appoggio del Gvc e dell'Arci non sarebbe stato possibile.
Sono ragazzi, accompagnati per tutto il viaggio da Carmen Bertolazzi che attualmente lavora sui minori nelle carceri a Maputo, che fanno parte di un gruppo teatrale che rappresenta i temi sociali del paese. L'hanno fondato loro stessi. Sono ragazzi che tra le proprie rappresentazioni riservano spesso un occhio particolare alla realtà dei bambini di strada. Vestiti di stracci e con tipica capacità mozambicana rappresentano oltre che la vita pure i pensieri i sogni e le aspirazioni dei bambini che abbandonati a se stessi si arrangiano per sopravvivere giorno per giorno.
Sono andati anche a visitare Korogocho e la sera tornati a casa erano senza parole. Sollecitati da Carmen le hanno confessato il loro forte turbamento. Non avevano mai immaginato e visto niente di simile in vita loro. Le condizioni inumane in cui vivono così tante persone ai bordi e nella stessa discarica. A Maputo non c'è niente del genere. Eppure pensavano di essere i più poveri della terra.
È in effetti, quella di Nairobi - metropoli dal centro ricco su cui si riversano poveri da tutto il paese per "vivere" dei veri e propri scarti dei "più fortunati" che hanno un tetto e possono mangiare ogni giorno e che finiscono nella discarica, è una realtà di contrasto fra povertà e ricchezza che raggiunge dimensioni e un livello così acuto e duro da sopportare che anche per un mozambicano è qualcosa che stordisce. Torneranno di certo con una grande iniezione di fiducia e un bagaglio di conoscenze e di esperienze straordinarie che già intendono socializzare a modo loro.
Sidiki viene dal Senegal. L'ho ritrovato qui dopo che aveva partecipato agli Stati generali della solidarietà e della cooperazione internazionale a Roma nel mese di novembre per rappresentare realtà di reti attive in Africa molto impegnate non solo nella denuncia delle responsabilità dell'Europa e in generale dell'occidente per gran parte della situazione economica e sociale del Continente, ma anche per risvegliare energicamente la società civile locale e a dare segnali di attivazione e di strategia comune sui temi più fortemente identificativi e comuni che attraversano i paesi di questo continente, il debito come sull'acqua e la terra. È qui per partecipare alle attività promosse dalla rete dei senzatetto che da alcuni anni coordina l'iniziativa in questo settore dovendo fare sempre più i conti con le condizioni di impoverimento ed emarginazione crescente di tanti abitanti delle metropoli del pianeta. La coalizione mondiale dei senzatetto di cui fa parte gli ha permesso di entrare in contatto con molte realtà internazionali nei quattro angoli del pianeta. Mi dice mentre ci salutiamo che per lui questo forum è stato come un processo interiore, una maturazione. Nel confronto con gli altri africani, tantissimi, dice, che ha conosciuto solo qui, che gli ha fatto cambiare idea su molte cose. Ad esempio? gli chiedo. Mi risponde, "Ad esempio sulla radicalizzazione della lotta. Non è possibile censurarci alla fonte nelle richieste e negli obiettivi che ci poniamo. Perché non c'è tempo. Bisogna cominciare a cambiare da oggi e qui… almeno da qualcosa che dia l'idea di una possibile storia diversa per il futuro dell'Africa della nostra gente".
David è ugandese e rappresenta un'associazione locale impegnata a difendere il suo paese dai rischi di devastazioni ecologiche e per combattere la corruzione. Ci conosciamo mentre siamo in fila tutte e due per una bottiglia d'acqua, e mi dice che lui è molto contento per il fatto è stata la prima volta che ha potuto incontrare tante persone provenienti dall'Africa e ascoltarli, confrontarsi con loro. Sostiene che la cosa più appassionante e che gli ha dato fiducia per il lavoro che farà una volta tornato a casa, è il fatto che qui la gente, gli africani, abbiano potuto parlare e soprattutto facendolo liberamente. Una cosa emblematica che forse molti europei non colgono nel suo significato tutto africano di conquista di spazio e diritto. Trova importante anche che qui si siano messe le basi per costruire campagne comuni trasversali sia regionali che continentali quando non internazionali, sia per informare e attivare l'opinione pubblica nel suo paese che per fare pressione sul governo. Mi dice che i problemi che colpiscono l'ambiente in tutta l'Africa sono lo specchio degli effetti devastanti della ormai antica depredazione del suo continente. È la cartina di tornasole di tutti gli errori che i popoli dell'africa stanno pagando. Colpa, dice, non solo di chi è venuto da lontano a rubare risorse e a sostenere conflitti per interessi esterni, ma anche di chi per conto di quei popoli ha sottoscritto accordi, accettato condizioni e spesso anche qui per interessi che non andavano certamente incontro ai bisogni e a i diritti delle popolazioni.
La chiosa finale della giornata per riflettere me la offre un seminario sull'emarginazione. Partecipanti: tutti africani, nessun bianco a parte me che comunque sono solo in veste di ascoltatrice. Introduce il promotore di un'associazione che lavora in Tanzania con persone socialmente escluse e propone una discussione sul senso profondo del termine emarginazione. E chiede a tutti: "Cos'è del resto questo Forum se non un'occasione speciale e straordinaria? È il forum degli emarginati di tutto il mondo". Lui ne sembra esserne profondamente orgoglioso e dice che tutti dovrebbero esserlo. E prosegue con la domanda che apre il dibattito: "Non è forse anche grazie al fatto che ci hanno emarginato che siamo riusciti a preservare identità, lingue e culture?". I partecipanti annuiscono e si avviano a capovolgere tabù e sensi di inferiorità che grazie al gruppo e al suo coordinatore assumono un significato nuovo e forse utilmente provocatorio verso i "normali", "gli inclusi" che abitano questo stesso mondo ma con prospettive del tutto diverse.
Molte associazioni del nord, e alcune istituzioni fra cui il governo italiano con il suo contributo di ben 300.000 euro, hanno supportato la fondamentale parte della comunicazione del Forum e la partecipazione di associazioni e gruppi della società civile africana. Molti di loro ne sono consapevoli ma rivendicano che si sappia anche lo sforzo immenso fatto da loro per potersi ritrovare e vedono con entusiasmo l'ipotesi che il Forum si ritrovi di nuovo in Africa presto per poter evolvere e sostenere il processo avviato e ora importantissimo da proseguire.
Ma la memoria storica e forse perfino soltanto la conoscenza del continente e dei personaggi che ne hanno avuto un ruolo eccezionale nella lotta per l'indipendenza e la decolonizzazione e contro l'apartheid, è poco nota non solo alla maggioranza dei partecipanti al Forum italiani ed in generale extraeuropei, ma anche a diversi africani. Ho chiesto a quasi tutti quelli che ho incontrato se sapevano chi erano Chris Hani o Ruth First, Thomas Sankara. Solo sul leader burkinabè hanno saputo dire qualcosa dei due leader sudafricani, il primo segretario generale del Partito comunista del Sudafrica [Sacp] e dirigente di spicco dell'African national congress [Anc] e considerato il naturale successore di Nelson Mandela ucciso a Johannesburg nel 1993 e la seconda sudafricana anche lei e tenace donna impegnata nella lotta contro la segregazione razziale e compagna di Joe Slovo segretario del Sacp e membro dell'esecutivo dell'Anc considerato nemico numero uno dal regime di Pretoria uccisa a Maputo nel 1982.
C'è molta strada, per noi e per gli africani, per imparare per non dimenticare la storia, per costruire quella nuova. Ci vorrebbe forse un processo sull'esempio sudafricano come quello della Commissione di verità e riconciliazione per cancellare il debito, quello nostro verso questo continente, dopo secoli di malefatte e per uscire una volta per tutte insieme e migliori dal tunnel della globalizzazione liberista.
Ma c'e anche un bagaglio di coerenza delle politiche che dopo Nairobi diventa ancora più irrinunciabile se davvero vogliamo che l'esperienza qui vissuta non sia stata solo testimonianza, anche la migliore, ma pur sempre una parentesi. Agli Stati generali della solidarietà e della Cooperazione avevamo dato corpo ad un'importante riflessione-sollecitazione che prendeva spunto dalla richiesta forte venuta già l'anno scorso al Forum di Bamako: ridisegnare la cooperazione perché dobbiamo farlo tenendo in considerazione l'opinione e la valutazione che di questa fanno i cosiddetti Beneficiari e partners, facendo al contempo lo sforzo di legare questo ragionamento alle inevitabili risposte sul fenomeno delle migrazioni che in alcun modo possono essere da noi ovviate o considerate parte di un discorso diverso, separato. I Cpt sono strettamente legati a qualunque ragionamento che riguardi l'Africa, il debito, la cooperazione ecc. Nel Manifesto che ha promosso gli stati generali, abbiamo proposto una provocazione esplicita: le badanti sono cooperanti? Su questo binario sarebbe utile proseguire nella analisi e nella proposta di una nuova cooperazione che appunto non si limita a chiedere maggiori e più adeguate e giuste risorse per la cooperazione, così come non possiamo limitarci adinterrograci sugli strumenti di cui ci dobbiamo dotare (ad esempio l'agenzia prevista dalla legge delega), ma anche e soprattutto sulla sua qualità, per fare quale cooperazione? Con quale concetto di partenariato? Per la costruzione di percorsi di cooperazione che tengano nella giusta considerazione e il punto di vista dei cosiddetti beneficiari e partners. Oltre che esprimere un capacità e necessità di misurarci con coraggio e sincerità sull'esperienza di questi decenni di cooperazione italiana ed internazionale. Questa è certamente una delle sfide che ci lascia il Forum di Nairobi. A noi nelle politiche e nelle attività di tutti i giorni spetta di saperla cogliere anche a casa nostra.
* coordinatrice della campagna Sdebitarsi
Forum sociale mondiale 2007 a Nairobi
presentazione_sud del mondo
8 >>> pag.9 <<< 10
 Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Assoc. Medica N.A.Di.R. via Decumana, 50/F 40133 Bologna - Tel 051 381829 / 347 0617840 - Fax 051 3370212 -





About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | ©2003 Company Name