associazione medica a carattere socio-sanitario destinata alla cura e alla prevenzione
dei DISTURBI di RELAZIONE,
attraverso un programma clinico di reintegrazione
del soggetto portatore di disagio
oc. Medica N.A.Di.R.
Assoc. Medica Disturbi di Relazione
Tel. 347 0617840
Fax: 051 3370212
skype: pmnadir
 
segreterianadir@medicanadir.it
REDAZIONE di BOLOGNA
di ARCOIRIS TV
La televisione indipendente
della gente, per la gente
N.A.Di.R. informa

 

N.A.Di.R. informa segnala_presentazione
 
17 <<< pag. 18 >>> 19
L'ASSEMBLEA ONU HA APPROVATO LA MORATORIA
CONTRO LA PENA DI MORTE
Il piu' bel regalo di Natale
 
di Antonio Di Bella

Ci sono due visioni della politica mondiale: quella dell'interesse e del conflitto. Del pragmatismo e del cinismo. Oggi è il trionfo della concezione opposta  dell'accordo fra Stati su grandi temi, dell'approccio multilaterale del ruolo centrale dell'ONU. La lotta contro il boia è ancora lunga. Ma il messaggio che viene da New York  è che militanti di base possono lavorare accanto  a ministeri  a diplomatici e tutti insieme ottenere un risultato insperato: il no alla pena di morte. Oggi ha vinto la politica di cui ci ha parlato due giorni fa in questo studio Kerry Kennedy: la politica che mette al centro la battaglia per la difesa dei diritti umani.

L'Assemblea generale dell'Onu ha approvato la risoluzione per la moratoria contro la pena di morte nel mondo con 104 voti a favore, 54 contro e 29 astenuti. La moratoria e' stata approvata alle 11,45 ora di New York, le 17,45 in Italia, dopo le dichiarazioni di voto contrarie di Antigua e Barbuda, Barbados, Singapore e Nigeria e quella favorevole del rappresentante del Messico. Il 15 novembre scorso, la Terza commissione dell'Assemblea generale aveva approvato la moratoria con 99 voti a favore, 52 contrari e 33 astenuti.
Il testo votato oggi
dall'Assemblea generale dell'Onu, gia' approvato il 15 novembre alla Terza Commissione al Palazzo di Vetro, esorta tutti gli stati che hanno ancora la pena di morte a "stabilire una moratoria delle esecuzioni in vista dall'abolizione" della pena capitale. E intanto invita a ridurne progressivamente l'uso e il numero dei reati per i quali puo' essere comminata, rispettando gli standard internazionale a garanzia dei diritti dei condannati. Ecco i punti essenziali del testo della moratoria e l'elenco delle principali garanzie internazionali a protezione dei condannati:
"Considerando che l'uso della pena di morte mina la dignita' umana -si legge nel testo- e convinti del fatto che una moratoria sulla pena di morte contribuisca al miglioramento e al progressivo sviluppo dei diritti umani; che non esiste alcuna prova decisiva che dimostri il valore deterrente della pena di morte; che qualunque fallimento o errore giudiziario nell'applicazione della pena di morte e' irreversibile e irreparabile;
Accogliendo con favore le decisioni prese da un crescente numero di paesi di applicare una moratoria delle esecuzioni, in molti casi seguite dall'abolizione della pena di morte", l'Assemblea Generale: "Esprime la sua profonda preoccupazione circa la continua applicazione della pena di morte;
L'Assemblea generale, continua il testo, "invita tutti gli Stati che ancora hanno la pena di morte a:
A) Rispettare gli standard internazionali che prevedono le garanzie che consentono la protezione dei diritti di chi e' condannato a morte, in particolare gli standard minimi, stabiliti dall'annesso alla risoluzione del Consiglio Economico e Sociale, 1984/50;
B) Fornire al segretario generale le informazioni relative all'uso della pena capitale e al rispetto delle garanzie che consentono la protezione dei diritti dei condannati a morte;
C)  Limitarne progressivamente l'uso e ridurre il numero dei reati per i quali la pena di morte puo' essere comminata; D)- Stabilire una moratoria delle esecuzioni in vista dall'abolizione della pena di morte".
L'Assemblea, si legge in conclusione, "invita gli Stati che hanno abolito la pena di morte a non reintrodurla; chiede al segretario generale di riferire sull'applicazione di questa risoluzione alla 63ma sessione; decide di continuare la discussione sulla questione durante la 63ma sessione allo stesso punto all'ordine del giorno". Le garanzie cui si fa riferimento per la protezione dei condannati prevedono fra l'altro che la sentenza capitale possa essere comminata solo per i reati piu' gravi e che non possano essere condannate persone per reati compiuti sotto i 18 anni. Non possono essere inoltre eseguite le sentenze nei casi di donne incinte, madri di un bambino piccolo o persone sofferenti di handicap mentale. Per la condanna a morte servono prove chiare e convincenti e le garanzie di un processo giusto, con possibilita' di appello e richiesta di grazia. Quando la pena capitale e' applicata deve causare il minimo di sofferenze possibili al condannato.
 
18/12/2007

N.A.Di.R. informa segnala_presentazione
 
17 <<< pag. 18 >>> 19

 

Creative Commons License
Questo/a opera Ŕ pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Assoc. Medica N.A.Di.R.
Tel. 347 0617840 -
Fax 051 3370212 - segreterianadir@medicanadir.it

 

About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | ©2003 Company Name