via Decumana, 50/F-

40133 Bologna

Tel. 051 381829 / 347 0617840

Fax: 051 3370212

skype: pmnadir

segreterianadir@medicanadir.it

Assoc. Medica Disturbi di Relazione

"associazione a carattere socio-sanitario  destinata  alla cura e alla prevenzione dei Disturbi del Comportamento alimentare (anoressia, bulimia, obesità), inquadrabili nei Disturbi di Relazione, attraverso un'azione diretta sul territorio nazionale con allargamento nel Sud del Mondo attraverso missioni di interscambio "

 

presentazione_rivista

19 >>> pag. 20 <<<< 21

“Non ho nulla da insegnare al mondo. La verità e la non-violenza sono antiche come le montagne” – M.K.Gandhi
Una vita senza ideali, senza radici, senza obiettivi … una vita che non venga spesa per qualcosa che riteniamo importante … non è vita, rischia di trasformarsi in un moto senza meta e senza luce che ci trascina senza darci il senso di ciò che facciamo per forza d'inerzia.
Tutti noi sappiamo cosa è bene e cosa è male, ma questo non significa che sceglieremo di seguire la via del bene, siamo dominati da potenti impulsi e rischiamo di agire il male tradendo in realtà e prima di tutto noi stessi, in quanto agire impulsivamente per il male altro non fa che procurarci malessere e disagio oscurandoci obiettivi e allontanandoci da ogni percorso di crescita individuale e collettiva. Si rischia l'affossamento, la messa in atto di atteggiamenti autodistruttivi poiché il disagio lo si riferisce solo a se, e questo l'ho imparato attraverso i miei Pazienti che tanto soffrono della loro chiusura esprimendo patologie autodistruttive. La visuale si restringe e il mondo lo si percepisce ad angolo acuto … senza possibilità alcuna anche solo di tentare un'apertura che lasci passare la luce della speranza, dell'innovamento, dell'evoluzione. Evoluzione che passa solo attraverso l'allargamento dei nostri orizzonti, allungando lo sguardo …. vedendo, ascoltando, comprendendo, sentendosi parte attiva del processo evolutivo.
Svariate volte mi è stato detto e rimproverato l'impegno che domina la mia vita, mi è stato detto che tutti i nostri sforzi non serviranno a nulla, perché il mondo va così, perché la gente è così …. Perché fondamentalmente le nostre sono solo parole, idee, sogni, ma che di fatti non se ne fanno, non se ne vedono…………. La gente ha sì tanta paura, ma preferisce ritirarsi, in quanto oramai incredula nella possibilità di un cambiamento: andrà come deve andare, non si può combattere contro i mulini a vento….. sarà la goccia del mare, ma cosa fa una goccia in questa tormenta ?
Energie, ideali, denaro spesi per …… non cambiare nulla, in fondo noi usiamo solo le parole … dicono … ci parliamo addosso …….. ma i problemi, quelli reali … rimangono. Possiamo manifestare, riunirci, disquisire, ma ….. la gente continua a morire di fame, il razzismo rimane, anzi si amplifica per via del tam-tam mediatico induttore di paure.
Io rispondo: “pensi che il mondo così come è vada bene ? tu stai bene in questo contesto ? riesci ad accettare le ingiustizie di cui, gioco forza, diventi parte agente ? Io non ce la faccio, egoisticamente….. se me ne stessi in un angolino in silenzio a pensare ai fatti miei ….. soffrirei, soffrirei talmente tanto da non riuscire a sopportarlo………. Preferisco spendermi per ed in funzione di ciò che credo. Che senso avrebbe vivere altrimenti ?”
È un ragionamento egoistico ? può darsi, ma mi appartiene, me lo sento incollato addosso.
Non è forse giusto domandarsi COSA FARE ?


 

 


 

 
 
19 >>> pag. 20 <<<< 21
presentazione_rivista
.

pmnadir

About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | ©2003 Company Name