Assoc.MedicaN.A.Di.R.
Organizzazione di Volontariato
C.F. 91206510371
associazione medica a carattere socio-sanitario destinata
alla cura e alla prevenzionedei DISTURBI di RELAZIONE,
attraverso un programma clinico di reintegrazione
del soggetto portatore di disagio
Tel. 347 0617840 - Fax: 0513370198
skype: pmnadir
segreterianadir@mediconadir.it
REDAZIONE di BOLOGNA di ARCOIRIS TV
La televisione indipendente
della gente, per la gente
NADiRinforma - Assoc. Cult.
le vostre donazioni possono aiutarci
a mantenere attivo, migliorandolo, il progetto
"Salute & Informazione"
teso a dare voce a chi voce non ha
perché la partecipazione è libertà
Banco Posta
IT22D0760102400000088796198

 

no_war_presentazione
11 >>> pag. 12 <<< 13
Dispotismo
All'alba della democrazia moderna, subito dopo la guerra, qualche buona intenzione in America poteva anche esserci. Lo dimostrerebbe questo filmato, che tenta di stabilire dei parametri reali, e non solo formali, per misurare lo stato di effettiva eguaglianza fra le persone nel paese. Che cosa si possa poi aver perso per strada ce lo suggerisce, profeticamente, il filmato stesso.
Massimo Mazzucco
Visita il sito www.luogocomune.net
TERRORE E TERRORISMI
 
A cura di Alessandra Mirabelli
 
Terrorismo: «Concezione e pratica di lotta politica che fa uso della violenza per sconvolgere gli assetti politici e istituzionali» (vocabolario della lingua italiana Zingarelli minore). In questi giorni ricorre il quinto anniversario dell'attentato alle torri gemelle di New York, atto terroristico per antonomasia del secolo in corso. Ma qual è la vera pratica terroristica: agire queste cose o indurre nelle menti dei più che queste cose siano agite da certa gente, per certe ragioni e iniettare odi razziali nei cuori dei popoli in ascolto da ogni dove? Affermerei che tutte e due le cose lo sono, ma se cominciamo a pensare che la prima azione sia una conseguenza, anzi uno strumento della seconda, allora ecco che, almeno, per l'ordine di successione degli eventi, o in ragione delle leggi di causa ed effetto, la seconda azione è ben più grave.
Lo stesso dizionario sopra citato reca, alla voce «terrore», un'altra interessante definizione, ossia, «timore che sconvolge». I media, oggigiorno, all'unisono, martellano notizie che hanno una ripercussione sconvolgente sulle nostre vite. Sfido ogni donna a negare di aver provato un certo batticuore, o di aver sentito un sudore freddo bagnare la fronte, quella volta che è rientrata sola a casa, più tardi del solito, o che ha percorso un tratto di strada isolato, di sera, per raggiungere la propria auto, o la fermata dell'autobus. La prudenza ha lasciato il posto all'azzardo! Pazzesco.
Che dire poi del disagio provato nel trovarsi un sempre maggiore numero di figli di extracomunitari, a scuola, in classe con i propri? O nell'incontrare per strada gruppi di uomini asiatici, convinti che ci stiano squadrando dalla testa ai piedi, pronti a saltarci addosso, o a sottrarre qualcosa di nostra proprietà? Non c'è da meravigliarsi, se negli ultimi tempi non c'è testata giornalistica che risparmi notizie di violenze e crimini per opera d'immigrati in parte clandestini! Lo stordimento è tale che ci si casca, anche quando la ragione suggerisce di soffermarsi a pensare a ciò che sta dietro alla redazione dei giornali. Sembra una coincidenza troppo grande che proprio quando le potenze mondiali volgono il loro interesse economico verso l'Oriente, i mezzi d'informazione di massa istruiscono sulla “cattiveria” degli orientali! Che vogliano rendere giusta ai nostri occhi la prossima guerra? Secondo voi, esiste una guerra giusta?
Gli studi degli scienziati informano dello scioglimento in corso dei ghiacciai, a causa dello sfruttamento incosciente delle risorse del Pianeta. La diffusione di tali notizie è compatibile con la loro veridicità, che risulta evidente agli occhi di tutti, visti gli sconvolgimenti climatici in atto. Ben vengano aggiornamenti di tale portata a sensibilizzare una coscienza comune di salvaguardia dell'ecosistema! Solo in tal senso è accettabile l'idea dell'usura in atto del nostro piccolo Mondo; che la cattiveria e i soprusi siano novità dei nostri giorni, è inaccettabile.
A qualcuno fa comodo farci credere, per perseguire i propri sporchi interessi, che siamo in pericolo a causa del modo di fare di certi uomini che invadono i nostri spazi e minacciano le nostre vite. Ci sono caratteristiche immutabili, radicate nell'essere umano, fin dai tempi in cui ha cominciato a calpestare il suolo di questo Pianeta, e, soprattutto, ovunque si sia trovato ad insediarsi. C'è stata un'evoluzione: non si può certo negare che ci sia qualche differenza fra le clave e le toghe di giudici e magistrati. Le dicotomie comportamentali di massima sono, però, fisse: egoismo/altruismo; affermazione di sé/difesa del bene comune; potere/semplicità; amore/odio; guerra/pace. Ritorno a quanto affermato inizialmente: non vedo gerarchie di malvagità a "consolare" manipolazioni, piuttosto che azioni nefaste!
Qual è, dunque, lo scopo di questa riflessione? Affermare che non dobbiamo lasciarci terrorizzare e imparare piuttosto a riconoscere le persone, con cui ci confrontiamo quotidianamente, per quello che sono. La velocità di comunicazione, resa possibile dai mezzi oggi a nostra disposizione, ci fa sentire, come mai prima, tutti sulla stessa barca, ma senza, per questo, permettere che ci confondano, facendoci intravedere un'apocalisse imminente. Il fatto di potersi informare di cose che accadono in ogni dove, deve costituire uno strumento cosciente di indagine di quanto ci accade intorno. L'analisi critica deve avere come conseguenza, innanzi tutto, lo stimolo ad agire in modo da fare attenzione a non esaurire le energie del nostro pianeta, investendo in fonti eco-compatibili, giacché da questo dipende la nostra stessa sopravvivenza. Poi, ritrovare il coraggio di interagire con chiunque incontri la nostra strada, guidati dal buon senso e dal proprio naturale istinto, non pilotati dai giochi di potere.

 
 
no_war_presentazione
11 >>> pag. 12 <<< 13

 

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Assoc. Medica N.A.Di.R. via Decumana, 50/F
40133 Bologna - Tel 051 381829 / 347 0617840 -
Fax 051 3370212 - segreterianadir@medicanadir.it

 

About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | ©2003 Company Name