associazione medica a carattere socio-sanitario destinata alla cura e alla prevenzione
dei DISTURBI di RELAZIONE,
attraverso un programma clinico di reintegrazione
del soggetto portatore di disagio
oc. Medica N.A.Di.R.
Assoc. Medica Disturbi di Relazione
Tel. 347 0617840
Fax: 051 3370212
skype: pmnadir
 
segreterianadir@medicanadir.it
REDAZIONE di BOLOGNA
di ARCOIRIS TV
La televisione indipendente
della gente, per la gente
N.A.Di.R. informa

 

DIRITTI UMANI - presentazione
7 <<< pag.8 <<< 9
Chiudere Guantanamo, ora!
NADiRinforma: Mobilitazione di Amnesty International a Bologna L'11 gennaio 2008, in occasione del sesto anniversario del primo trasferimento al centro di detenzione a Guantànamo Bay , Amnesty International , attraverso migliaia di soci e simpatizzanti ha proposto una grande serie di iniziative in tutto il mondo per chiedere la chiusura di Guantànamo, presentando al Congresso degli Stati Uniti, all' Amministrazione e ai candidati alla presidenza USA una dichiarazione, forte del sostegno di 1200 parlamentari di tutto il mondo (Bahrein, Germania, Giappone, Isreaele, Italia e Regno Unito tra gli altri).
La guerra al terrore che ha avuto inizio dopo l' 11 settembre 2001, portata avanti dagli Stati Uniti e dai loro più stretti alleati , ha posto come scopo principale la sicurezza globale , ponendo gravi deroghe ai diritti umani e alle libertà individuali, con la deportazione di prigionieri nella base di Guantànamo , senza formali incriminazioni o processi giudiziari che indichino le loro responsabilità , ma la prigione situata a Cuba rappresenta solo la punta dell' iceberg: attorno ad esse ruota il sistema delle extraordinary renditions (che in Italia conosciamo per il caso di Abu Omar e per quello del cittadino italiano Abou Elkassim Britel), ovvero un sistema di sparizioni forzate, oltre al programma di detenzioni e carceri segrete.
In occasione della mobilitazione , con relativa raccolta di firme per “Chiudere Guantànamo ora!” svolta dalla sezione bolognese di Amnesty International, sabato 12 gennaio in Piazza Maggiore abbiamo documentato l' evento e intervistato Barbare Golluscio, referente dell' iniziativa per Amnesty Bologna.
Produzione: Arcoiris Bologna
Intervista: Angelo Boccato
Riprese e montaggio: Francesca Piatti
approfondisci su:
www.amnestybologna.it
www.giustiziaperkassim.net
www.latanadelsatyro.blogspot.com
Afghanistan - 09.1.2008
Guantanamo si è spostata in Afghanistan
'Camp Delta' si svuota mentre la prigione Usa di Bagram, vicino Kabul, straripa di detenuti
Anni di denunce e di battaglie condotte dalle organizzazioni per la difesa dei diritti umani di mezzo mondo hanno costretto l'amministrazione Bush a cedere sul lager di Guantanamo, ormai destinato alla chiusura e già oggi parzialmente svuotato. Una vittoria solo apparente, visto che lontano dai riflettori, in Afghanistan, il Pentagono ha nel frattempo ampliato quella che si può a buon titolo definire come ‘la madre di tutte le prigioni Usa della vergogna': il centro di detenzione militare statunitense di Bagram, a nord di Kabul, dove nel 2002 vennero sperimentate le tecniche d'interrogatorio successivamente esportate ad Abu Ghraib e nella stessa Guantanamo.
Inizialmente usata come centro di detenzione temporanea dei prigionieri di guerra appena catturati in Afghanistan e Pakistan, in attesa del loro trasferimento oltreoceano a Guantanamo, Bagram, con la progressiva dismissione della prigione cubana, ha accumulato detenuti prendendo di fatto il posto del famigerato ‘Camp Delta' come centro di detenzione Usa in via definitiva. Se i detenuti di Guantanamo sono scesi dai 775 iniziali ai 275 di oggi, gli ‘ospiti' di Bagram sono progressivamente cresciuti fino agli attuali 630.
Torture e violenze sistematiche. Nei mesi scorsi, la Croce Rossa Internazionale (Icrc), unica organizzazione ad avere un limitato acceso a Bagram, ha denunciato che nella ‘nuova Guantanamo' i detenuti vengono trattati peggio che nella vecchia, sottoposti a “trattamenti crudeli contrari alle Convenzioni di Ginevra”.

 

Già nel 2004, quando Bagram era ancora un piccola prigione, Human Rights Watch aveva denunciato le torture e le violenze, spesso letali, a cui i prigionieri vengono sottoposti in questo centro di detenzione: privazione del sonno, del cibo e della luce, isolamento completo dei detenuti, tenuti per giorni incappucciati, appesi per i polsi e violentemente picchiati a intervalli regolari. Emblematica la storia di Habibullah e Dilawar, 28 e 22 anni: il primo morì il 4 dicembre 2002, appeso al soffitto della sua cella, per un'embolia polmonare dovuta ai grumi di sangue provocati dalle percosse ricevute; il secondo morì sei giorni dopo in seguito a un infarto, anch'esso attribuito alle percosse.
 

 

Bagram, dove tutto è iniziato. A ideare questi sistemi ‘sperimentali' di interrogatorio nel 2002 fu il capitano Carolyn Wood, una soldatessa di 34 anni, comandante del plotone d'interrogazione di Bagram, che nel gennaio 2003 venne premiata con una medaglia al valore per il suo “servizio eccezionalmente meritevole”. Nel luglio del 2003, la ‘signora delle torture' e la sua squadra vennero trasferiti dall'Afghanistan all'Iraq con la missione di insegnare il ‘modello Bagram' ai carcerieri della prigione militare di Abu Ghraib, dove la Wood fece affiggere un cartellone d'istruzioni che prescriveva in maniera dettagliata il ricorso alle tecniche sperimentate a Bagram, compresa la sospensione al soffitto e l'utilizzo dei cani. L'estate scorsa l'esercito Usa ha lasciato il carcere di Abu Ghraib in mano agli iracheni. Buona notizia, almeno per le coscienze degli statunitensi.  
Ora il cerchio si chiude e tutto torna dove era iniziato, a Bagram, destinato a diventare il più grande lager statunitense del mondo.
Enrico Piovesana

 

DIRITTI UMANI - presentazione

7 <<< pag.8 <<< 9

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Assoc. Medica N.A.Di.R.
Tel. 347 0617840 -
Fax 051 3370212 - segreterianadir@medicanadir.it

 

About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | ©2003 Company Name